Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: Understanding Rank

PEP-Web Tip of the Day

When you do a search, you can sort the results bibliographically alphabetical or by “rank”. What is Rank?

Rank refers to the search engine’s “best guess” as to the relevance of the result to the search you specified. The exact method of ranking used varies a bit depending on the search. In its most basic level, when you specify a single search term, rank looks at the density of the matches for the word in the document, and how close to the beginning of the document they appear as a measure of importance to the paper’s topic. The documents with the most matches and where the term is deemed to have the most importance, have the highest “relevance” and are ranked first (presented first).

When you specify more than one term to appear anywhere in the article, the method is similar, but the search engine looks at how many of those terms appear, and how close together they appear, how close to the beginning of the document, and can even take into account the relative rarity of the search terms and their density in the retrieved file, where infrequent terms count more heavily than common terms.

To see a simple example of this, search for the words (not the phrase, so no quotes):

unconscious communications

Look at the density of matches in each document on the first page of the hits. Then go to the last page of matched documents, and observe the density of matches within the documents.

A more complex search illustrates this nicely with a single page and only 15 matches:

counter*tr* w/25 “liv* out” w/25 enact*

There are a lot of word forms and variants of the words (due to the * wildcards) above that can match, but the proximity (w/25) clause limits the potential for matching. What’s interesting here though is how easily you can see the match density decrease as you view down the short list.

The end result of selecting order by rank is that the search engine’s best “guess” as to which articles are more relevant appear higher on the list than less relevant articles.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Cappelli, N. (2006). XI Colloquio Franco-Italiano di Psicoanalisi: Stato attuale del transfert e della sua interpretazione durante la seduta: Aix-en-Provence, 26 e 27 novembre 2005. Rivista Psicoanal., 52(2):553-561.

(2006). Rivista di Psicoanalisi, 52(2):553-561

CRONACHE

XI Colloquio Franco-Italiano di Psicoanalisi: Stato attuale del transfert e della sua interpretazione durante la seduta: Aix-en-Provence, 26 e 27 novembre 2005

Nelly Cappelli

Il 26 e 27 novembre 2005, si è svolto ad Aix-en-Provence l'undicesimo Colloquio franco-italiano. Natura, funzione, interpretazione del transfert durante la seduta sono state oggetto della «conversazione» (Ogden, 2003) fra le due culture psicoanalitiche. Il tema s'inserisce nel quadro teorico clinico contemporaneo che considera imprescindibile la connessione fra transfert e controtransfert; dà uno spazio centrale ai concetti di identificazione proiettiva e di controidentificazione proiettiva; è attraversato dalle teorie di campo psicoanalitico, di co-pensiero, co-narrazione e dal confronto con l'intersoggettivismo. In tale contesto non si parla più di «risoluzione» del transfert, che viene invece concepito come necessità rigenerativa continua.

Porgendo il benvenuto ai partecipanti, J.M. Porte (S.P.P.) dà inizio ai lavori.

Amalia Giuffrida introduce le due relazioni della mattinata: con un incipit di notevole efficacia espressiva (un dialogo in forma di discorso diretto), trasporta gli ascoltatori nell'atmosfera semionirica di una seduta d'analisi. La paziente commenta il lampadario della stanza d'analisi; i pensieri dell'analista scivolano verso una catena associativa fatta di ricordi personali. A partire da questi, l'analista s'interroga sul transfert, strumento insostituibile di lavoro, al contempo paradossale e perturbante. A chi «appartiene» il lampadario di cui parla la paziente? Cercato e trovato dalla paziente, è anche oggetto del mondo reale e fantasmatico dell'analista e, con la sua concretezza, vincola le invenzioni che la coppia analitica potrà produrre. C'è il paziente, ma dunque anche l'analista, in quella dimensione remota del tempo che si dilata fino a costituire il momento attuale e in quello spazio trovato-creato, luogo (e frutto) dell'incontro fra paziente e analista che «inventano» ciò che è «realmente» accaduto.

Ogni coppia analitica crea una peculiare tessitura transferale, composta dall'intreccio di due soggettività che si scelgono reciprocamente, eppure questa intersezione rimanda ad un'irriducibile estraneità.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.