Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To use the Information icon…

PEP-Web Tip of the Day

The Information icon (an i in a circle) will give you valuable information about PEP Web data and features. You can find it besides a PEP Web feature and the author’s name in every journal article. Simply move the mouse pointer over the icon and click on it for the information to appear.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Laplanche, J. (2006). Incesto e sessualitĂ  infantile. Rivista Psicoanal., 52(3):685-698.
    

(2006). Rivista di Psicoanalisi, 52(3):685-698

Incesto e sessualità infantile

Jean Laplanche

È pericoloso tentare di mettere in relazione due nozioni — due constatazioni psicoanalitiche ben accertate — che non si intersecano, almeno apparentemente. La sessualità infantile, benché spesso trascurata, spinta in secondo piano — dagli stessi psicoanalisti —, resta per noi una acquisizione fondamentale, che nessuno osa contestare. Orbene, dal semplice punto di vista cronologico, si colloca a molta distanza dal classico problema dell'incesto. È un dato, ed una teorizzazione, che si riferisce innanzitutto ai primissimi mesi o anni di vita. In particolare, emerge ancor prima di ogni designazione delle categorie di parentela, che restano essenziali per parlare di incesto: padre, madre, sorella, zio etc. La sessualità infantile, almeno nelle sue fonti, è considerata pregenitale, legata a tutte le zone erogene più diverse. Nella prima edizione dei Tre saggi, essa corrisponde al periodo dell'autoerotismo, teorizzato da Freud, a partire dalle osservazioni del pediatra Lindner, secondo il seguente schema: le relazioni primarie con l'adulto, il cui modello resta la suzione del seno materno, sono come ribaltate dal bambino su sé stesso, ad esempio sotto forma del ciucciare il pollice. È ciò che una volta ho denominato «tempo auto», vero crogiuolo in cui si genera la sessualità infantile, uno schema che è lungi dal valere solo per la «pulsione orale».

Viceversa, l'incesto ed il suo tabù — che ne è indissociabile — è collocato da Freud in un'età più tardiva, diciamo verso i due o tre anni, ed in realtà è considerato contemporaneo del complesso di Edipo.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.