Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To zoom in or out on PEP-Web…

PEP-Web Tip of the Day

Are you having difficulty reading an article due its font size? In order to make the content on PEP-Web larger (zoom in), press Ctrl (on Windows) or ⌘Command (on the Mac) and the plus sign (+). Press Ctrl (on Windows) or ⌘Command (on the Mac) and the minus sign (-) to make the content smaller (zoom out). To go back to 100% size (normal size), press Ctrl (⌘Command on the Mac) + 0 (the number 0).

Another way on Windows: Hold the Ctrl key and scroll the mouse wheel up or down to zoom in and out (respectively) of the webpage. Laptop users may use two fingers and separate them or bring them together while pressing the mouse track pad.

Safari users: You can also improve the readability of you browser when using Safari, with the Reader Mode: Go to PEP-Web. Right-click the URL box and select Settings for This Website, or go to Safari > Settings for This Website. A large pop-up will appear underneath the URL box. Look for the header that reads, “When visiting this website.” If you want Reader mode to always work on this site, check the box for “Use Reader when available.”

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

De Luca, J. (2007). Associazioni sul mito di Medea. Rivista Psicoanal., 53(4):1033-1054.

(2007). Rivista di Psicoanalisi, 53(4):1033-1054

Associazioni sul mito di Medea

Jones De Luca

Una madre. La donna, distesa sul lettino, parla sommessamente: la sera prima, come ogni sera, le ha telefonato la figlia dall'ospedale dove è ricoverata. Questa telefonata, colma di accuse violente, ha lasciato la donna spossata e piena di timori profondi. Durante la notte ha fatto un sogno. Aveva in braccio sua figlia che nel sogno era molto piccola, sapeva che doveva lasciarla, la bambina era stata affidata alle nonne perché lei aveva combinato qualcosa. Non sa cosa avesse combinato: era qualcosa di molto brutto e non poteva più tenere la bambina con sé. Poi la donna si chiude, il suo racconto si arresta, non le viene più in mente niente. Sembra spaventata, rifiuta qualsiasi pensiero e chiede all'analista di non insistere.

Nel sogno la bambina aveva quattro mesi. C'è un episodio di quel periodo che non vorrebbe ricordare: la bambina non riusciva a dormire e piangeva da molto tempo senza che lei riuscisse a calmarla, allora si era messa a piangere disperatamente anche lei. Ricorda che aveva pianto tanto. Le chiedo del pianto e la donna risponde: «Non è normale piangere per questo? ».

Io penso all'esasperazione che può nascere quando i bambini piangono così: viene da buttarli dalla finestra, e di colpo mi viene in mente l'immagine di un piccolo corpo leggero, troppo leggero, che vola da una finestra molto alta … è così leggero che i vestiti riescono ad attutirne la caduta e ad evitare il peggio.

Le dico che quando i bambini piangono senza fermarsi possono anche far arrabbiare. Allora, come se confessasse una colpa grave, mi dice che è molto imbarazzata perché ricorda che quella volta si era innervosita.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.