Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To zoom in or out on PEP-Web…

PEP-Web Tip of the Day

Are you having difficulty reading an article due its font size? In order to make the content on PEP-Web larger (zoom in), press Ctrl (on Windows) or ⌘Command (on the Mac) and the plus sign (+). Press Ctrl (on Windows) or ⌘Command (on the Mac) and the minus sign (-) to make the content smaller (zoom out). To go back to 100% size (normal size), press Ctrl (⌘Command on the Mac) + 0 (the number 0).

Another way on Windows: Hold the Ctrl key and scroll the mouse wheel up or down to zoom in and out (respectively) of the webpage. Laptop users may use two fingers and separate them or bring them together while pressing the mouse track pad.

Safari users: You can also improve the readability of you browser when using Safari, with the Reader Mode: Go to PEP-Web. Right-click the URL box and select Settings for This Website, or go to Safari > Settings for This Website. A large pop-up will appear underneath the URL box. Look for the header that reads, “When visiting this website.” If you want Reader mode to always work on this site, check the box for “Use Reader when available.”

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Mattana, G. (2010). Epistemologi e camerieri. Rivista Psicoanal., 56(4):928-928.
   

(2010). Rivista di Psicoanalisi, 56(4):928-928

Epistemologi e camerieri

Giorgio Mattana

Richiamandoci all'Hegel della Fenomenologia dello Spirito o delle Lezioni sulla filosofia della storia, molto opportunamente citato da Levy, potremmo dire che il «punto di vista del cameriere» offre una visuale particolare, che permette di vedere cose che altrimenti non si vedrebbero, ma rimane il «punto di vista del cameriere». Non solo, ma osservando la storia, o la psicoanalisi, dal buco della serratura, come da qualsivoglia altra prospettiva, a determinare ciò che si vede non è solo l'angolo visuale prescelto, ma anche l'occhio e la mente di chi guarda.

Come di regola nel caso dell'attacco ai «grandi», irrimediabilmente sconsolanti, falsamente demistificanti, tendenziose e intrinsecamente inaffidabili sono le «verità» recentemente scagliate da Onfray contro la psicoanalisi. Almeno a giudicare dalle anticipazioni comparse sulla stampa, fra le quali spicca peraltro in maniera eloquente la sintesi da lui stesso offerta degli argomenti (e degli «argomenti») che supportano il suo ponderoso dossier antifreudiano. In attesa della prossima pubblicazione italiana del libro, è dunque ad essa che conviene attenersi. L'impressione è che si tratti, appunto, prevalentemente del «punto di vista del cameriere»: «Roba minima», direbbe un noto cantante milanese. Dove l'aggettivo «minimo» va riferito a chi guarda, non a chi viene guardato. Buon ultimo, Onfray si accoda ai detrattori della psicoanalisi, assemblando disordinatamente argomenti “nobili” (con le virgolette) e ignobili (senza le virgolette), con netta e malcelata preferenza verso questi ultimi. E così l'invettiva e il pettegolezzo, che ovviamente è sempre «vero», inoppugnabile e garantito, prendono il sopravvento sull'argomentazione. È il buco della serratura eretto a sistema di valutazione teorica. Come dire che, poiché Newton s'interessava di ermetismo e di alchimia, e magari tradiva anche la moglie o praticava l'onanismo, allora la teoria della gravitazione universale è una colossale impostura.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.