Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To search for a specific phrase…

PEP-Web Tip of the Day

Did you write an article’s title and the article did not appear in the search results? Or do you want to find a specific phrase within the article? Go to the Search section and write the title or phrase surrounded by quotations marks in the “Search for Words or Phrases in Context” area.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Donnet, J. (2012). Dal procedimento alla regola: l'associazione libera analitica. Rivista Psicoanal., 58(4):885-902.

(2012). Rivista di Psicoanalisi, 58(4):885-902

La stanza del dibattito: realtà psichica & metodo psicoanalitico

Dal procedimento alla regola: l'associazione libera analitica

Jean-Luc Donnet

Translated by:
Trad. di Alberto Luchetti

In Collaboration with:
con la collaborazione di Roberta Guarnieri

In una lettera datata febbraio 1931, Freud ricorda a Stefan Zweig che l'associazione libera va considerata come l'innovazione più significativa della psicoanalisi e ch'essa è la chiave metodologica dei suoi risultati. L'«associazione libera» resta per noi un riferimento centrale, ma l'evoluzione delle concezioni della cura ha reso considerevolmente più complesse le poste in gioco in essa e difficile la valutazione del suo ruolo nel processo analitico.

Mi è parso interessante mettere in gioco una distinzione, rimasta latente in Freud, tra il «procedimento» e la regola fondamentale. In un certo senso, la regola fondamentale non fa altro che inscrivere il «procedimento di indagine» iniziale nella logica processuale implicata dalla situazione nella sua cornice. Ma questa continuità disconoscerebbe un'ambiguità preziosa dell'associazione libera che può essere illustrata dal contrasto tra due occorrenze metodologiche. Può accadere che l'analista inviti o inciti il suo paziente ad «associare», facendo così appello al suo Io affinché applichi la tecnica del procedimento; al contrario, valutando il discorso di un paziente, un analista può ritenerlo «associativo», il che non implica necessariamente che il paziente voglia o sappia di «stare associando». In queste due occorrenze, le posizioni soggettive del paziente sono quasi opposte: nella prima, il suo modo di procedere è postulato come deliberato, pienamente cosciente; nella seconda, è del suo discorso che si tratta, discorso il cui carattere associativo potrebbe essere involontario, inconscio, al punto che ci si potrebbe domandare se non sia l'ascolto ad essere associativo.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.