Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see translations of this article…

PEP-Web Tip of the Day

When there are translations of the current article, you will see a flag/pennant icon next to the title, like this: 2015-11-06_11h14_24 For example:

2015-11-06_11h09_55

Click on it and you will see a bibliographic list of papers that are published translations of the current article. Note that when no published translations are available, you can also translate an article on the fly using Google translate.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Angelini, A. (2013). Sulle dieci lettere di Sigmund Freud a Wilhelm Reich (1924-1930). Rivista Psicoanal., 59(1):141-160.

(2013). Rivista di Psicoanalisi, 59(1):141-160

Sulle dieci lettere di Sigmund Freud a Wilhelm Reich (1924-1930) Related Papers Language Translation

Alberto Angelini

Delle lettere che Sigmund Freud scrisse a Wilhelm Reich, tra il 1924 e il 1930, non conosciamo gli antefatti. Si tratta di risposte a messaggi di vario tema che Reich inviò al Maestro. Così ci sono giunte, dopo essere state conservate, per quasi un secolo, nella Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, all'interno degli Archivi Sigmund Freud, di cui è, attualmente, curatore Harold Blum, succeduto a Kurt Eissler. Tuttavia, ancor prima di addentrarsi in una riflessione storica, è sufficiente leggere le parole del fondatore della psicoanalisi per comprendere il tipo di argomenti che il giovane Reich gli sottoponeva. Si tratta, in buona parte, di valutazioni e giudizi, relativi ad un vasto numero di articoli, saggi, programmi di studio, linee di ricerca e bozze di idee che Reich proponeva al giudizio di Freud. In quegli anni, infatti, il giovane Reich scriveva e pubblicava lavori ad un ritmo vertiginoso. Ciò è testimoniato, prima di tutto, dalla vasta raccolta degli Scritti giovanili (1920-1925). Valgano, inoltre, come esempi più rilevanti, tra i suoi molti saggi di quel periodo, Il coito e i sessi (1922), Il tic psicogeno come equivalente della masturbazione (1925), il volume La funzione dell'orgasmo (1927) e il saggio di argomento metodologico Materialismo dialettico e psicoanalisi (1929). A questa ricca produzione saggistica, si aggiungeva una turbinosa attività personale, sia in ambito clinico, sia in campo istituzionale, all'interno della Società Psicoanalitica di Vienna. Come si potrà evidenziare dalle lettere qui pubblicate, Freud si esprimeva con cautela riguardo al pensiero del giovane allievo, pur confortandone gli slanci giovanili.

Accanto

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.