Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To report problems to PEP-Web…

PEP-Web Tip of the Day

Help us improve PEP Web. If you find any problem, click the Report a Problem link located at the bottom right corner of the website.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Vergine, A. (2013). Per un sapere dei sensi. Immagini ed estetica psicoanalitica Domenico Chianese, Andreina Fontana (a cura di); Roma, Alpes, 2012, pagine 390, € 35,00. Rivista Psicoanal., 59(3):793-804.

(2013). Rivista di Psicoanalisi, 59(3):793-804

Per un sapere dei sensi. Immagini ed estetica psicoanalitica Domenico Chianese, Andreina Fontana (a cura di); Roma, Alpes, 2012, pagine 390, € 35,00

Review by:
Adamo Vergine

Vorrei fare innanzitutto un breve inventario dei punti di riferimento culturali che pongono la psicoanalisi nel dialogo tra le scienze umane. Il filo conduttore, che può permettere il confronto fra molti metodi di diverse discipline, è il punto di vista neokantiano e quello neodarwinista.

Kant.

Dal punto di vista psicoanalitico «Per un sapere dei sensi» ha radici in Freud, Winnicott e Bion.

Freud si può certamente considerare un neo-kantiano, nel senso che, fecondato da quel tipo di riflessione, è stato capace di aprire un orizzonte ineguagliabile sulla capacità di osservare ed elaborare il funzionamento della mente. Il punto centrale riguarda «la cosa in sé inconoscibile»: postula un sistema inconscio della mente analogo a quello kantiano della cosa in sé. Il sistema «inconscio» sta in rapporto dialettico con l'altro sistema della mente quello della ragione e della coscienza: epifenomeni o apparenze e derivati della cosa in sé.

Darwin.

Nella storia della scienza e della cultura, Freud si deve considerare anche un neo-darwinista: si occupa del funzionamento della mente con un criterio evoluzionista, tanto che considera il risultato psicologico individuale di ogni essere umano ciò che deriva dalla sua filogenesi + la sua ontogenesi (Nuove lezioni di psicoanalisi, 1932). Inoltre ha teorizzato l'evoluzione della libido o energia sessuale, parallelamente alle funzioni biologiche che si vanno consolidando e sviluppando con la sua crescita.

Per restare all'interno di questo dialogo interdisciplinare, vorrei enunciare sinteticamente i punti della psicoanalisi freudiana e post freudiana che hanno avuto un'interessante evoluzione in psicoanalisi, e nelle discipline affini.

Partiamo da Freud.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.