Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: Downloads should look similar to the originals…

PEP-Web Tip of the Day

Downloadable content in PDF and ePUB was designed to be read in a similar format to the original articles.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Torrigiani, M.G. (2013). Una mostra sul lettino: Rudolf Stingel a Palazzo Grassi. Rivista Psicoanal., 59(4):995-1005.

(2013). Rivista di Psicoanalisi, 59(4):995-1005

Psicoanalisi e arte

Una mostra sul lettino: Rudolf Stingel a Palazzo Grassi

Maria Grazia Vassallo Torrigiani

Èormai consapevolezza diffusa che quando uno psicoanalista si avvicina a una qualsiasi creazione artistica con gli strumenti del suo sapere, l'atteggiamento da cui deve guardarsi è quello che scherzosamente definirei sindrome da «cifra nel tappeto». Mi riferisco al titolo di un racconto breve di Henry James, in cui un critico letterario comincia a investigare sistematicamente gli scritti del romanziere Hugh Vereker, con l'intento di scoprire un segreto che l'autore avrebbe celato tra le pagine del testo, un «tesoro nascosto» che una volta portato alla luce avrebbe illuminato il senso ultimo e definitivo di tutta la produzione dello scrittore. Individuare la «cifra nel tappeto», disvelare la figura nascosta nell'intreccio di trama ed ordito del tessuto narrativo - il textus - si rivelerà per il protagonista impresa vana e illusoria. Ma non solo. «Vereker mi era sempre piaciuto; e ciò che stava accadendo era che la mia nuova comprensione e la mia vana preoccupazione mi guastavano il piacere. Non soltanto non riuscivo ad afferrare un'intenzione generale, ma mi trovavo a perdere di vista perfino le intenzioni particolari che in precedenza avevo saputo apprezzare. I suoi libri non erano più gli oggetti affascinanti che un tempo erano stati per me» (James, 1986, 26).

L'indagine indiziaria diventa un'ossessione che finisce col dominare a tal punto la maniera in cui il protagonista si accosta a quelle pagine, da privarlo del piacere di immergersi nell'universo spalancato dalle vicende narrate, di farsene catturare e toccare emozionalmente ed immaginativamente. Se l'obiettivo primario è vincere le resistenze del testo per smascherare ciò che vi si annida, il rischio è l'appannarsi dell'esperienza creativa di una relazione vitale con ciò che si ha di fronte.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.