Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To search for a specific phrase…

PEP-Web Tip of the Day

Did you write an article’s title and the article did not appear in the search results? Or do you want to find a specific phrase within the article? Go to the Search section and write the title or phrase surrounded by quotations marks in the “Search for Words or Phrases in Context” area.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

De Cesarei, A.O. (2014). Come interpretare gli affetti?. Rivista Psicoanal., 60(4):987-1001.

(2014). Rivista di Psicoanalisi, 60(4):987-1001

Come interpretare gli affetti?

Anna Oliva De Cesarei

Attraverso il racconto e alcune riflessioni su passaggi significativi della terapia di Carlos, intendo soffermarmi su una delle possibili declinazioni del tema proposto, e cioè sulla «interpretazione» come arte maieutica degli affetti, nel senso di aiutare il paziente a ritrovare in se stesso la propria verità, una apertura mai esaustiva o satura, ma mobile e aperta, a una creatività originaria che riprende contatto con il respiro e il movimento della vita.

Come vedremo, l'analista svolge a lungo il ruolo di «attore» (prima di essere «interprete») nell'assumere su di sé il sentire spezzato, fratturato del paziente, prima che sia possibile ravvivare gli affetti sulla scena, nell'ottica di Grotstein che afferma: «A mio parere l'analista invece di essere neutrale o distante deve diventare la verità emotiva dell'analizzando sulla sua realtà profonda per ora inaccettabile (il sintomo del momento) risonando inconsciamente con l'angoscia dell'analizzando proveniente dal suo inconscio» (2004, 1084).

Conosco dapprima Carlos, 21 anni, attraverso il racconto dei genitori che mi parlano di una situazione in casa da tempo insostenibile per le crisi esplosive del figlio; sono spesso sul punto di espellerlo da casa, anche se sinceramente addolorati dalla situazione di Carlos che attua, da anni, una condizione di totale chiusura nell'ambito della famiglia.

Quando il figlio aveva circa due anni, si era rotta un'armonia fusionale nella coppia (che aveva protetto entrambi da situazioni molto traumatiche della loro storia personale); la signora aveva sofferto di una depressione importante durata circa tre anni, e il marito, rivedendo in lei la propria madre depressa, aveva accentuato una sua turbolenza di base, con comportamenti a volte violenti verso il figlio.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.