Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To sort articles by year…

PEP-Web Tip of the Day

After you perform a search, you can sort the articles by Year. This will rearrange the results of your search chronologically, displaying the earliest published articles first. This feature is useful to trace the development of a specific psychoanalytic concept through time.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

De Micco, V. (2016). La pelle che abito, il nome che porto: Fratture culturali e legami transgenerazionali nei bambini migranti. Rivista Psicoanal., 62(1):231-240.

(2016). Rivista di Psicoanalisi, 62(1):231-240

Psicoanalisi dei bambini e degli adolescenti

La pelle che abito, il nome che porto: Fratture culturali e legami transgenerazionali nei bambini migranti

Virginia De Micco

Bambini e adolescenti migranti: una tela di ferite, strappi e bruciature come nei quadri di Burri

The trauma of painting è il titolo della recente retrospettiva di Alberto Burri al Guggenheim Museum di New York: un'articolata esposizione di opere capaci di evocare il dolore di ferite difficili da riparare, separazioni e lutti impensabili, bruciature di una guerra interiore. Sono queste le immagini che si associano alla lettura del contributo di Virginia De Micco sul trauma di bambini e di adolescenti migranti, che conservano sulla pelle tracce di una lotta quotidiana tra integrazione e nostalgia. Un dramma in parte consegnato inconsciamente loro dai genitori, attraverso grumi di dolore non elaborato e che si trasmette attraverso le generazioni come un'eredità che non si può rifiutare.

De Micco analizza diversi aspetti del trauma, quasi a ricercarne una vera genealogia. Come la marginalità, non solo dovuta ad una lontananza geografica dai luoghi di origine, ma anche alla perdita della capacità materna di essere porta-parola della cultura originaria.

O come la rabbia che diventa «tigrosa» nel pensiero di un bambino. E la tela di sacco di Burri, unta, incatramata, lacera e priva di luce diventa l'emblema della marginalità dove non vi è alcuna rappresentazione figurativa, dove il colore non è colore e la lacerazione è annidata nella materia stessa. Quasi a suggerire che il trauma di chi ha abbandonato la propria terra natale non sta solo nella difficoltà di conservare la trama delle tradizioni o della lingua, ma nel fatto che questa base per le rappresentazioni si usura, perde colore e senso: perché spesso perde la connessione con l'uso quotidiano che la rende viva e significante.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.