Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To share an article on social media…

PEP-Web Tip of the Day

If you find an article or content on PEP-Web interesting, you can share it with others using the Social Media Button at the bottom of every page.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Rusconi, S. Palazzoli, M.S. (1967). la prima seduta di una psicoterapia familiare congiunta (p.f.c.). Psicoter. Sci. Um., 1(4):15-19.

(1967). Psicoterapia e Scienze Umane, 1(4):15-19

la prima seduta di una psicoterapia familiare congiunta (p.f.c.)

Severino Rusconi e Mara Selvini Palazzoli

Con la presente pubblicazione della prima seduta di una p.f.c. non intendiamo esporre o discutere gli aspetti teoretici e pratici, i criteri di scelta, la tecnica, e le innumerevoli difficoltà di tale terapia: il trattamento delle resistenze, dei transfert e dei controtransfert, le variabili del rapporto fra i due co-terapeuti ecc. Si rimanda per questo alle pubblicazioni specializzate. Intendiamo solo mostrare la ricchissima messe dei fenomeni osservabili nel tempo limitato di una seduta iniziale esplorativa, evitando di proposito ogni riferimento alle esperienze delle sedute successive. I dati raccolti, le ipotesi deducibili, le molteplici indicazioni diagnostiche, prognostiche, terapeutiche e profilattiche che allora traemmo, malgrado le nostre evidenti goffaggini, ci sembrano giustificare una esposizione.

Metodica impiegata

Per l'impostazione tecnica delle sedute di p.f.c. ci serviamo di quella osservata da uno di noi presso l'Eastern Pennsylvania Psychiatric Institute di Philadelphia, ed ormai estesa alla maggioranza dei Centri di indagine e psicoterapia familiare. Tale tecnica comporta la presenza di due co-terapeuti, possibilmente di sesso diverso, avvezzi da tempo all'analisi reciproca delle difficoltà insorgenti dal lavorare in gruppo come co-leaders, e quindi, idealmente, tesi a rappresentare una coppia adulta collaborante in maniera complementare. Condividiamo inoltre la comune opinione che soltanto personalità eccezionali sono in grado di reggere da sole la carica emotivamente « stressante » di una terapia familiare congiunta.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.