Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To limit search results by article type…

PEP-Web Tip of the Day

Looking for an Abstract? Article? Review? Commentary? You can choose the type of document to be displayed in your search results by using the Type feature of the Search Section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

von Blarer, A. Codignola, E. (1972). sulla psicodinamica della sindrome di infantilismo connesso a lesioni organiche primarie. Psicoter. Sci. Um., 6(1-2):4-15.

(1972). Psicoterapia e Scienze Umane, 6(1-2):4-15

sulla psicodinamica della sindrome di infantilismo connesso a lesioni organiche primarie

A. von Blarer e traduzione dal tedesco di E. Codignola

Nella sua struttura tradizionale — descrizione di una sindrome e ricerca eziologica — il discorso di v. Blarer offre, ci sembra, la possibilità di rivedere questioni molto discusse e di ricuperare un loro senso più specifico. In particolare citiamo due punti: 1. - v. Blarer si occupa dello sviluppo dell'io in fanciulli con gravi lesioni degli organi di senso. Egli cerca di chiarire le dinamiche inter- e intrapersonali, nelle diverse fasi dell'organizzazione dell'io, che ne determineranno la fisionomia e la struttura. Queste dinamiche non sono ridotte a risposte del bambino a frustrazioni, ma vengono discusse nei termini della teoria psicoanalitica sulla formazione della personalità. Viene così riformulato tutto il problema della persona “diversa”, cioè di colui che è percepito come disomogeneo rispetto alla propria cultura, e del suo destino. Il discorso dell'“esclusione” è potenzialmente rivisto in chiave di ipotesi specifica, in un settore — quello del grave “difetto” organico — che può essere assunto come paradigmatico, per la sua evidenza intrinseca. Ci si spiega come la persona, il cui io è stato esposto a vettori precocemente deformanti, possa più tardi giustificare la sua stessa esclusione sociale. Le implicazioni di questo ricupero teorico sono molto vaste. 2. - All'interno del discorso tecnico, l'uso della “teoria delle rappresentazioni”, ripresa ed ampliata, negli ultimi anni, soprattutto da Kohut, ci sembra aver favorito la chiarezza della ricerca, soprattutto nelle parti che riguardano le vicissitudini dello sviluppo dell'io.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.