Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can request more content in your language…

PEP-Web Tip of the Day

Would you like more of PEP’s content in your own language? We encourage you to talk with your country’s Psychoanalytic Journals and tell them about PEP Web.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Porta, L. (1978). le difficoltà del nostro inserimento nel mondo dei “diversi”. Psicoter. Sci. Um., 12(3):29-35.

(1978). Psicoterapia e Scienze Umane, 12(3):29-35

le difficoltà del nostro inserimento nel mondo dei “diversi”

Lorenzo Porta

« Il '68 ha rotto tra i giovani alcuni schemi comportamentali vigenti nei rapporti sessuali e in quelli affettivi più generali, ma da questa rottura liberatoria non è nato un adeguato approfondimento, e spesso si e visto il gruppo e la coppia ripiombare nel classico schema comportamentale dietro la cui facciata di ”fedeltà” o di ”tradimento” si nascondono l'egoismo, l'utilitarismo e le gerarchie della famiglia tradizionale » (1).

Questo brano, riportato da un articolo di Cesare Padovani, mi aiuta a riflettere sulle esperienze di lotta che ho vissuto in questi anni e mi fa capire che è impossibile dire che cosa ha cambiato il «sessantotto» senza chiarirci che cosa il « sessantotto» ha cambiato in noi. Ho deciso quindi di comunicare per iscritto la mia esperienza con un ragazzo « handicappato », perchè in questo modo penso di poter dare un contributo alia nostra «lunga marcia» da condurre non solo, si noti bene, attraverso le istituzioni esterne, ma anche attraverso le istituzioni interiorizzate in noi che troppo spesso abbiamo considerato « al di sopra di ogni sospetto». Per me, essere stato per un anno con un ragazzo disturbato mentalmente ed anche privo della vista non ha significato solo « marciare » contro l'Istituto dei Ciechi, la Provincia, i professori, gli psicologi, la famiglia ecc.; ho scoperto che anche in me, giovane di sinistra, vivono e prosperano, ben nascoste, le istituzioni che combatto e che anch'io posso essere un inconsapevole complice del potere, se non marcio anche attraverso me stesso.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.