Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To sort articles by author…

PEP-Web Tip of the Day

While performing a search, you can sort the articles by Author in the Search section. This will rearrange the results of your search alphabetically according to the author’s surname. This feature is useful to quickly locate the work of a specific author.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Castellucci, A. Fruggeri, L. Bertoi, C. Bruni, I. Venturi, A. (1981). il lungodegente e la sua famiglia l'analisi sistematica in una istituzione psichiatrica. Psicoter. Sci. Um., 15(3-4):41-49.
  

(1981). Psicoterapia e Scienze Umane, 15(3-4):41-49

il lungodegente e la sua famiglia l'analisi sistematica in una istituzione psichiatrica

Anna Castellucci, Laura Fruggeri, Claudia Bertoi, Iris Bruni e Alfredo Venturi

All'indomani dell'entrata in vigore della legge 180, quando cioè si è trattato di individuare i modi per realizzare concretamente il graduale superamento dell'ospedale psichiatrico, prende l'avvio a Bologna un'esperienza programmata di riabilitazione e reinserimento sociale dei lungodegenti dell'ospedale psichiatrico provinciale « F. Roncati ». Come prima risposta al dibattito sull'esigenza di nuove ristrutturazioni interne all'ospedale, è stato messo a punto il progetto di apertura di un'area, che ha assunto il nome di « Area autogestita ».

Essa inizia la sua attività nell'aprile del 1979 con trenta lungodegenti, 15 uomini e 15 donne provenienti dai reparti « cronici » dell'ospedale psichiatrico. Si tratta di persone con esperienza di ricovero pressochè continuativo che va da un minimo di 10 a un massimo di 20-30 anni; quasi tutte sono provenienti dall'area territoriale bolognese e di estrazione sociale prevalentemente operaia e contadina.

Nella sua formulazione istitutiva, la nuova struttura si propone di assolvere ad una funzione abitativa e di costituire la sede di attività capaci di favorire sia un processo di riappropriazione delle identità personali, sia di apprendimento sociale e lavorativo.

L'« area autogestita » si definisce, quindi, come strumento operativo atto a stimolare un'emancipazione degli ospiti dal condizionamento di lunghi periodi di istituzionalizzazione e a favorirne l'inserimento nel tessuto sociale; queste prospettive programmatiche, sia pure accennate in maniera sommaria, hanno fin dall'inizio costituito la premessa e le caratteristiche di contesto entro cui inquadrare l'operatività svolta nell'area.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.