Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To save articles in ePub format for your eBook reader…

PEP-Web Tip of the Day

To save an article in ePub format, look for the ePub reader icon above all articles for logged in users, and click it to quickly save the article, which is automatically downloaded to your computer or device. (There may be times when due to font sizes and other original formatting, the page may overflow onto a second page.).

You can also easily save to PDF format, a journal like printed format.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Piacentini, T.C. Furlan, P.M. Mancini, A. (1983). MENTE E CORPO IN FREUD. ALCUNE CONSIDERAZIONI: (Parte prima). Psicoter. Sci. Um., 17(1):3-21.

(1983). Psicoterapia e Scienze Umane, 17(1):3-21

MENTE E CORPO IN FREUD. ALCUNE CONSIDERAZIONI: (Parte prima)

Teresa Corsi Piacentini, Pier Maria Furlan e Antonella Mancini

1. « Data l'intima connessione che vi è fra ciò che distinguiamo fra fisico e psichico, dobbiamo ammettere che verrà un giorno in cui, alla conoscenza teorica e speriamo pure anche a una attività terapeutica, si apriranno nuove vie conducenti dalla biologia somatica e dalla chimica fisiologica, alla fenomenologia delle nevrosi. Ma questo giorno sembra lontano, e questi stati morbosi sono per noi attualmente inaccettabili dal lato medico » (Freud, 1926, p. 398).

Se oggi Freud fosse ancora vivo, come reagirebbe agli attuali tentativi di ricondurre alternativamente la sua opera ora alle scienze biologico-naturali ora alle scienze situate nel campo umanistico-filosofico? La domanda è nata dal constatare come nei confronti della psicoanalisi si accendano periodiche discussioni sulla sua appartenenza all'ambito psicologico e/o somatico, con altrettante periodiche conclusioni accu-satorie o assolutorie; si direbbe che vi sia un bisogno ciclico di trovare finalmente la chiave di lettura « giusta ».

E' opportuno tuttavia chiedersi, in via preliminare, che cosa legittimi questi tentativi di costringere il corpo teorico freudiano nella sua globalità entro spazi che gli assegnino sbrigativamente una Weltanschauung biologica o umanistica.

A nostro avviso vi è nella trattazione freudiana un modo sufficientemente ambiguo di trattare il problema soma-psiche, tale da permettere di dimostrare una sua appartenenza all'uno o all'altro campo. Il nostro intento è di approfondire l'esame di tale ambiguità ritenendo che troppi aspetti della teoria psicoanalitica riguardanti il rapporto mente-corpo vengano dati per scontati. Noi reputiamo necessario collocarci nella recente corrente di pensiero che studia queste zone d'ombra, avanzando la personale ipotesi che la loro mancata esplorazione possa essere una delle cause del crescente numero di teorizzazioni psicoanalitiche epistemologicamente incoerenti fra di loro.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.