Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To view citations for the most cited journals…

PEP-Web Tip of the Day

Statistics of the number of citations for the Most Cited Journal Articles on PEP Web can be reviewed by clicking on the “See full statistics…” link located at the end of the Most Cited Journal Articles list in the PEP tab.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Zanuso, B. (1986). IDENTITĂ€ E CARATTERE FEMMINILE. Psicoter. Sci. Um., 20(3):188-203.

(1986). Psicoterapia e Scienze Umane, 20(3):188-203

IDENTITÀ E CARATTERE FEMMINILE

Billa Zanuso

Margaret Mead nel 1949 nel suo testo antropologico che riguarda le differenze tra i due sessi esplorate in sette culture primitive dei Mari del Sud e nella nostra cultura ad alto livello di complessità, si poneva una serie di domande che sono a tutt'oggi di stringente attualità:

Cosa debbono pensare gli uomini e le donne della loro mascolinità e della loro femminilità in questo ventesimo secolo nel quale tante delle nostre vecchie idee hanno bisogno di essere rinnovate? Abbiamo forse troppo addomesticato gli uomini e negato il loro spirito di avventura (…). Abbiamo forse sviato le donne dalla vicinanza ai loro figli insegnando loro a cercare una occupazione invece che la carezza di un bimbo, una carriera sociale in cui si lotta per far strada piuttosto che un posto sempre uguale presso un focolare acceso? Educando le donne come uomini abbiamo commesso qualcosa di disastroso per le une e per gli altri o abbiamo fatto un passo avanti nel compito ricorrente di perfezionare la natura umana originaria? (Mead, 1949, p. 12).

Ma esiste una natura umana originaria connotata diversamente tra maschio e femmina? Esistono realmente, oltre che quelle anatomiche, altre differenze ugualmente derivate da quelle biologiche che, sebbene celate dalle caratteristiche culturali di ciascuna civiltà, siano altrettanto reali? Oppure l'assegnazione di ruoli e di qualità umane diverse fra i due sessi è una sovrastruttura socialmente definita, ma non corrisponde ad una radicale differenza di fondo, quanto ad una distribuzione conveniente per la società, tanto che sarebbe antieconomico trascurarla? (Mead, 1949, p. 17, passim).

La ricerca antropologica sembra propendere per questa seconda ipotesi. Essa infatti ha sottolineato l'estrema diversità fra ciò che si considera specificamente maschile e specificamente femminile da società a società e da cultura a cultura.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.