Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To open articles without exiting the current webpage…

PEP-Web Tip of the Day

To open articles without exiting your current search or webpage, press Ctrl + Left Mouse Button while hovering over the desired link. It will open in a new Tab in your internet browser.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Ricci, F. Rigon, G. (1987). IL SETTING IN PSICOANALISI INFANTILE. Psicoter. Sci. Um., 21(1):25-54.

(1987). Psicoterapia e Scienze Umane, 21(1):25-54

IL SETTING IN PSICOANALISI INFANTILE

Franco Ricci e Giancarlo Rigon

In psicoanalisi infantile non è stato affrontato in Sede teorica il problema specifico di un setting diverso per un paziente diverso, quanto piuttosto regole date per scontate sono state in qualche modo progressivamente adattate e modificate, laddove la realtà diversa del bambino le rendeva incompatibili per l'avvio e lo stabilirsi di un processo terapeutico. La psicoanalisi infantile si è trovata di fronte un insieme di regole considerate talmente fondanti per la psicoanalisi da non essere poste in questione come tali. Questo ha fatto sì che per molti anni il lavoro psicoanalitico con bambini venisse considerato come una variante talvolta nemmeno degna della denominazione di psicoanalisi. È noto come invece la psicoanalisi infantile abbia fornito contributi di grande rilevanza per il dibattito sui fattori terapeutici dell'analisi. È importante sottolineare come l'esperienza psicoanalitica con bambini e quella con gli psicotici adulti abbiano validamente contribuito a far crollare il mito dell'analisi classica ed a permettere di ricollocare in un continuum il problema teorico dei fattori terapeutici nella analisi. Le definizioni di campo a partenza dal riferimento alla presunta codificazione della tecnica classica mostrano chiaramente i loro limiti e pongono in evidenza il danno teorico ed i vincoli posti all'esperienza clinica dalla trasmissione dogmatica di un determinato sistema di pensiero.

I tentativi di differenziare, sulla base di categorie vagamente definite nei loro confini e pertanto non utilizzabili scientificamente quali strumenti concettuali operativi, la psicoanalisi dalla psicoterapia risultano troppo spesso esercitazioni lessicali per il mantenimento di una illusione.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.