Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To bookmark an article…

PEP-Web Tip of the Day

Want to save an article in your browser’s Bookmarks for quick access? Press Ctrl + D and a dialogue box will open asking how you want to save it.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Zanuso, B. (1987). Elisabeth Badinter, L'uno e l'altra. Sulle relazioni tra l'uomo e la donna, Milano, Longanesi, 1987.. Psicoter. Sci. Um., 21(3):99-102.

(1987). Psicoterapia e Scienze Umane, 21(3):99-102

Elisabeth Badinter, L'uno e l'altra. Sulle relazioni tra l'uomo e la donna, Milano, Longanesi, 1987.

Review by:
Billa Zanuso

Il testo della Badinter, filosofa di formazione e docente di sociologia all'Ecole polytéchnique di Parigi, a somiglianza del precedente libro L'amore in più (Longanesi, 1984) si presenta con il carattere della sfida. Oggetto della sfida è l'ambizione di indagare il rapporto uomo-donna nel corso dei millenni e dimostrare come i modelli di comportamento umano in questo campo, quali attribuzioni di ruoli e di compiti all'individuo in funzione della differenza sessuale, siano mutevoli nel tempo, frutto della convenienza sociale o personale, punti di riferimento ideologico e non incontrovertibili leggi naturali. Sino a questo punto la tesi della Badinter non aggiunge altro materiale alla messe di studi e ricerche antropologiche che in questo secolo hanno dimostrato ad abundantiam come in società diverse dalle nostre i ruoli maschili e femminili varino in maniera sensibile, sino addirittura a capovolgersi rispetto al modello del femminile e del maschile che è consueto ai nostri occhi di osservatori occidentali di una società industriale avanzata. Ma esistono limiti oltre ai quali la società, qualsiasi sia il modello culturale imposto o proposto, non può spingersi? La differenza biologica, che determina fatalmente ruoli diversi nella riproduzione e nell'accudimento della prole, il lungo periodo necessario all'individuo umano per raggiungere un grado di autonomia sufficiente per la gestione della propria sopravvivenza, sino ad ora sono state barriere invalicabili.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.