Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To access “The Standard Edition” of Freud’s work…

PEP-Web Tip of the Day

You can directly access Strachey’s The Standard Edition of the Complete Psychological Works of Sigmund Freud through the Books tab on the left side of the PEP-Web screen.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(1990). Schede: Alberto Angelini, La psicoanalisi in Russia - Dai precursori agli anni '30. Napoli: Liguori, 1988; pp. 203, Lit. 22.000. Psicoter. Sci. Um., 24(1):142-143.

(1990). Psicoterapia e Scienze Umane, 24(1):142-143

SCHEDE

Schede: Alberto Angelini, La psicoanalisi in Russia - Dai precursori agli anni '30. Napoli: Liguori, 1988; pp. 203, Lit. 22.000

Il libro ripercorre la storia della psicologia russa e sovietica a partire dalla fine del Settecento fino agli anni ‘30 del nostro secolo, epoca in cui si esaurì la ricerca e la pratica della psicoterapia su base psicoanalitica a causa degli ostacoli opposti dal regime stalinista. Esso presenta un panorama assai più ampio di quanto indicato nel titolo; ma tutte le fasi dello sviluppo della psicologia in Russia, anche quelle più remote, vengono illustrare dall'autore privilegiando tutti quegli aspetti che suggeriscono anticipazioni o analogie con la teoria psicoanalitica. I primi due capitoli sono dedicati ai principali protagonisti della nascita e dello sviluppo della psicologia russa, quali l'illuminista Radiŝĉev attivo nella seconda metà del Settecento, e, nell'Ottocento, il filosofo hegeliano Hensen, un altro filosofo Ĉerniscevskij, e infine il fisiologo Dobroljubov, che sostenne la distinzione fra i diversi livelli qualitativi propri dei fenomeni fisiologici e psicologici. A Seĉenov, celebre neurofisiologo, la cui attività si esplicò per quasi tutto il XIX secolo, l'autore dedica molto spazio, in quanto nei suoi scritti sui riflessi cerebrali compaiono per la prima volta in Russia accenni alla presenza dell'inconscio. Seĉenov fu il fondatore della «Psicologia obiettiva». Tale scuola trovò poi, a cavallo fra l'Ottocento e il Novecento, il suo massimo rappresentante in Pavlov, il cui pensiero viene ampiamente riferito da Angelini, insieme a quello di Bechterev, anch'egli illustre neurofisiologo.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.