Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can access over 100 digitized books…

PEP-Web Tip of the Day

Did you know that currently we have more than 100 digitized books available for you to read? You can find them in the Books Section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Ferrannini, L. (1990). Jean-Martin Charcot, Lezioni alla Salpêtrière. Milano: Angelo Guerini e Associati, 1989, pp. 220, lit. 32.000. Psicoter. Sci. Um., 24(3):135-137.

(1990). Psicoterapia e Scienze Umane, 24(3):135-137

Jean-Martin Charcot, Lezioni alla Salpêtrière. Milano: Angelo Guerini e Associati, 1989, pp. 220, lit. 32.000

Review by:
Luigi Ferrannini

Molto citato ma raramente letto, J.M. Charcot è piú conosciuto per l'influenza che ebbe sul pensiero di Freud che per le sue fondamentali ed anticipatone ricerche nel campo della neuroanatomia e della neurologia clinica. La pubblicazione di una scelta delle Lezioni del martedì, tenute alla Salpêtrière tra il 1868 ed il 1892, accompagnate da una utile introduzione di Alfredo Civita, propone per la prima volta in italiano uno sguardo sul pensiero e sull'opera di Charcot. Vengono affrontati argomenti centrali della neuropatologia (la paralisi agitante e la sclerosi a placche disseminate) ed un grande spazio è dedicato alla clinica dell'isteria ed al trattamento del paziente isterico, anche attraverso la presentazione di casi clinici d'isteria nell'uomo. Dal materiale presentato risulta chiaro al lettore il contributo di Charcot nel «sottrarre — per usare le stesse parole di Freud — l'isteria al caos delle nevrosi» e piú in generale nell'«avvento di una nuova epoca nella valutazione della nevrosi».

Per

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.