Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To sort articles by year…

PEP-Web Tip of the Day

After you perform a search, you can sort the articles by Year. This will rearrange the results of your search chronologically, displaying the earliest published articles first. This feature is useful to trace the development of a specific psychoanalytic concept through time.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Wakefield, J.C. (1994). FREUD E LA PSICOLOGIA COGNITIVA: L'INTERFACCIA CONCETTUALE. Psicoter. Sci. Um., 28(2):33-65.

(1994). Psicoterapia e Scienze Umane, 28(2):33-65

FREUD E LA PSICOLOGIA COGNITIVA: L'INTERFACCIA CONCETTUALE

Jerome C. Wakefield

Contrariamente alla comune opinione secondo la quale i principali contributi di Freud sono le ipotesi cliniche mentre la metapsicologia non ha più rilevanza per la psicologia contemporanea, l'autore sostiene che i più grandi contributi di Freud consistono proprio nella sua cornice concettuale e metateorica, che lo rende il primo e ancora insuperato psicologo cognitivista, nonostante i contenuti di questa cornice fossero non sempre plausibili. L'autore discute sette tra i principali punti di contatto tra Freud e la psicologia contemporanea: 1) l'intenzionalità, cioè le rappresentazioni mentali, come unità ultima di analisi, e una concezione della mente come sistema di stati intenzionali in interazione dinamica; 2) l'esistenza di stati mentali inconsci; 3) una concezione cognitivista della motivazione come proprietà causale delle idee; 4) una concezione cognitivista delle emozioni come cognizioni combinate con sensazioni corporee intenzionalisticamente interpretate come rappresentazioni percettive del corpo; 5) una concezione «modulare» della mente e contro la visione tradizionale di una sua entità unificata; 6) una completa spiegazione del comportamento che integra livelli intenzionali, di tratto e biologici della personalità; 7) l'importanza della automanipolazione cognitiva intenzionale, come nei meccanismi di difesa.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.