Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To refine your search with the author’s first initial…

PEP-Web Tip of the Day

If you get a large number of results after searching for an article by a specific author, you can refine your search by adding the author’s first initial. For example, try writing “Freud, S.” in the Author box of the Search Tool.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Guidi, N. (1994). IL TRANSFERT NEGATIVO IRREPRENSIBILE. Psicoter. Sci. Um., 28(4):37-51.

(1994). Psicoterapia e Scienze Umane, 28(4):37-51

IL TRANSFERT NEGATIVO IRREPRENSIBILE

Nella Guidi

Freud in «Dinamica della traslazione» sostiene che il transfert negativo nel suo complesso, così come il transfert positivo di impulsi erotici rimossi, è qualcosa da distogliere dalla persona del medico in quanto resistenza; al contrario il transfert positivo irreprensibile, che continua a sussistere, è portatore di successo. La mia tesi è che l'irreprensibile transfert positivo debba essere, sin dall'inizio del trattamento analitico, controbilanciato da quello che io chiamo irreprensibile transfert negativo. Applicare al transfert negativo la distinzione tra transfert di sentimenti aggressivo-assertivi che favorisce il processo psicoanalitico in quanto conscio e irreprensibile e transfert che vi oppone resistenza, può facilitare il processo nel senso di indurre il malato a svolgere un lavoro psichico. Il concetto di irreprensibile transfert negativo nasce quindi dalla necessità di distinguere nel transfert l'aggressiva assertività dalla distruttiva potenzialità, per il processo psicoanalitico, della restante parte del transfert negativo in quanto resistenza. Considerare opportuno al fine di instaurare e portare avanti il trattamento analitico l'utilizzo solo del transfert positivo irreprensibile, escludendo il transfert negativo irreprensibile, non è a mio parere coerente con le successive elaborazioni a partire da Freud, sulle vicissitudini dell'aggressività, della teoria strutturale, e dal punto di vista della teoria delle relazioni oggettuali.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.