Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To open articles without exiting the current webpage…

PEP-Web Tip of the Day

To open articles without exiting your current search or webpage, press Ctrl + Left Mouse Button while hovering over the desired link. It will open in a new Tab in your internet browser.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Verso, G.L. (1995). MAFIA E FOLLIA: IL CASO VITALE. UNO STUDIO PSICODINAMICO E PSICOPATOLOGICO. Psicoter. Sci. Um., 29(3):99-121.
    

(1995). Psicoterapia e Scienze Umane, 29(3):99-121

MAFIA E FOLLIA: IL CASO VITALE. UNO STUDIO PSICODINAMICO E PSICOPATOLOGICO

Girolamo Lo Verso

Leonardo Vitale fu il primo pentito di mafia. Dieci anni prima di Buscetta svelò i segreti di Cosa Nostra. Attraverso complesse vicende giudiziarie e psichiatriche venne giudicato inattendibile. Quando Buscetta iniziò a parlare, tuttavia, le sue dichiarazioni vennero confermate ed egli fu ucciso. Il caso, attraverso lo studio delle perizie, interviste ecc. viene qui studiato attraverso un modello di matrice gruppo-analitica che collega la cultura mafiosa, quella familiare e la psicopatologia di Vitale. Vengono in particolare affrontati il ruolo ambiguo di alcune perizie, quello della presenza delle figure femminili nella sua vita, la morte del padre, il problema dei modelli teorici e metodologici di lettura della «follia», il ruolo delle donne della mafia.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.