Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see papers related to the one you are viewing…

PEP-Web Tip of the Day

When there are articles or videos related to the one you are viewing, you will see a related papers icon next to the title, like this: RelatedPapers32Final3For example:

2015-11-06_09h28_31

Click on it and you will see a bibliographic list of papers that are related (including the current one). Related papers may be papers which are commentaries, responses to commentaries, erratum, and videos discussing the paper. Since they are not part of the original source material, they are added by PEP editorial staff, and may not be marked as such in every possible case.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Fantuzzi, G. (1997). Antonio Imbasciati, Fondamenti psicoanalitici della psicologia clinica. Torino: Utet, pp. 512, Lit. 48.000.. Psicoter. Sci. Um., 31(2):129-131.

(1997). Psicoterapia e Scienze Umane, 31(2):129-131

Antonio Imbasciati, Fondamenti psicoanalitici della psicologia clinica. Torino: Utet, pp. 512, Lit. 48.000.

Review by:
Gianni Fantuzzi

Il corpus della psicologia clinica è costituito da diverse teorie e ciascuna di esse si ritaglia oggetti diversi che appartengono a un referente comune: il comportamento umano normale o patologico. A questo punto si pone il problema della costituzione di una capacitá teorico-culturale di concettualizzazione dialettica tra le varie psicologie e, lá dove possibile, di integrazione dei vari punti di vista; nel contempo, si pone il problema di mantenere il proprio specifico riferimento teorico e metodologico. Imbasciati in Fondamenti psicoanalitici della psicologia clinica affronta tali questioni connotando la specificitá della psicoanalisi e rintracciando gli apporti che di essa sono entrati come parte costitutiva della psicologia clinica.

Schematizzando molto, il volume di Imbasciati può essere così suddiviso: 1) ampia trattazione di problemi epistemologici per arrivare a una definizione di scienza enucleando la distinzione tra scoperte, modelli, teorie e per definire il concetto di metodo; 2) la trasmissione della psicoanalisi, dunque le problematiche inerenti la formazione sia dello psicoanalista che dello psicologo clinico; 3) gli sviluppi della psicoanalisi dopo Freud con particolare riferimento all'opera kleiniana. L'opera di Bion è trattata con particolare cura perché essa, secondo Imbasciati, apre il discorso sullo studio psicoanalitico dei processi cognitivi da cui prende le mosse; 4) anche la sua stessa ricerca che lo ha condotto a formulare la «teoria del Protomentale»; 5) la psicologia clinica e lo studio psicoanalitico dei gruppi (capitolo scritto da Renato De Polo).

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.