Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To receive notifications about new content…

PEP-Web Tip of the Day

Want to receive notifications about new content in PEP Web? For more information about this feature, click here

To sign up to PEP Web Alert for weekly emails with new content updates click click here.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(1997). Emy Beseghi (a cura di), L'isola misteriosa. 3. Specchi della diversità. Milano-Mondadori, 1997, pp. 171, Lit. 18.000.. Psicoter. Sci. Um., 31(4):149.

(1997). Psicoterapia e Scienze Umane, 31(4):149

Emy Beseghi (a cura di), L'isola misteriosa. 3. Specchi della diversità. Milano-Mondadori, 1997, pp. 171, Lit. 18.000.

I «quaderni di letteratura per l'infanzia» giungono alla loro terza uscita, dopo il volume dedicato alle «Finzioni di fine secolo» e quello su «Adolescenza» (v. recensione su Psicoter. Sc. Um., n. 2, 1997). In questo terzo volume, il filo conduttore che fa da protagonista è la «diversità», studiata nelle svariate manifestazioni in cui essa compare, nei molteplici significati di cui può essere dotata e nelle diverse prospettive in cui può essere letta. Come i volumi precedenti, anche questo si compone di una serie di saggi in cui gli autori si concentrano su alcuni aspetti aventi a che fare col tema della diversità. Antonio Faeti e Giorgia Grilli si occupano di due fiabe (di Emma Parodi e di Oscar Wilde) la cui vicenda è centrata sui destini di una figura mostruosa e di un nano deforme. Nel saggio di Milena Bernardi, i protagonisti sono il dickensiano Oliver Twist e la Sirenetta di Andersen, e l'oggetto delle considerazioni dell'autrice è la manifestazione della malattia fisica nel bambino e il senso di diversità che ne deriva. Emy Beseghi si occupa del muto protagonista infantile dell'ultimo romanzo di Margaret Mahy, mentre Mirca Casella entra in pieno nella discussione del tema dell'handicap col suo saggio sull'orco che appare ne Il re degli ontani di Tournier. Maria Bosio passa in rassegna la diversità così come viene descritta nelle figure proposte dal mondo della celluloide, mentre Matteo Baraldi offre un vero e proprio percorso storico nell'universo della teratologia, partendo dai mostri dell'immaginario medievale e dagli studi cinquecenteschi di Ulisse Aldrovandi. Infine, con Stefania Prestopino entriamo in contatto con il tema della mostruosità/diversità così come viene descritto dagli autori dei fumetti. (F.B.)

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.