Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: Books are sorted alphabetically…

PEP-Web Tip of the Day

The list of books available on PEP Web is sorted alphabetically, with the exception of Freud’s Collected Works, Glossaries, and Dictionaries. You can find this list in the Books Section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(1999). Schede: Arnold Goldberg, Perversione e perversioni (tit. or.: The Problem of Perversion, Yale U.P., New Haven-London, 1995). Trad, di Rosanna Carrera. Torino: Bollati Boringhieri, 1998, pp. 186, Lit. 40.000.. Psicoter. Sci. Um., 33(2):144.

(1999). Psicoterapia e Scienze Umane, 33(2):144

SCHEDE

Schede: Arnold Goldberg, Perversione e perversioni (tit. or.: The Problem of Perversion, Yale U.P., New Haven-London, 1995). Trad, di Rosanna Carrera. Torino: Bollati Boringhieri, 1998, pp. 186, Lit. 40.000.

Noto in Italia per il libro scritto con J. Gedo (1971), Modelli della mente. Una teoria psicoanalitica (Roma, Astrolabio, 1975), G. intende ampliarne la prospettiva pluralistica affrontando la problematica della perversione. Al di là degli aspetti comportamentali e delle definizioni descrittive e sociali, per G. le perversioni sono un problema di struttura psicologica, da affrontare partendo dalle forze che le originano, per poi arrivare al trattamento. Lo fa muovendosi rigorosamente all'interno della psicologia del Sé (non senza sottolineare il suo debito verso Kohut), la quale «considera i comportamenti perversi da una parte come utili per la coesione del Sé, dall'altra come una condizione patologica che si esprime nello sfruttamento di altri (p. 12)». Va da sé che per G. le perversioni appartengono all'area dei disturbi narcisistici del comportamento, e sono definibili in base a tre elementi essenziali. Il primo e la sessualizzazione di attività di per sé non sessuale, allo scopo di salvaguardare la persona dalla frammentazione del Sé. Il secondo aspetto è la distorsione - o scissione - del senso di realtà (cfr. già la “scissione dell'Io” nel feticismo, indicata da Freud), che conduce alla coesistenza di più personalità in conflitto tra loro. Infine, una particolare dinamica psichica, individuale e familiare, in cui si intrecciano la vulnerabilità narcisistica e i fallimenti della regolazione delle pulsioni da parte dei genitori; in particolare, un difetto dell'idealizzazione, il quale può portare alla sessualizzazione del Sé. A queste tre dimensioni esaminate nel dettaglio, G. fa seguire un capitolo sull'omosessualità, vista non tanto in base a conflitti e pulsioni, ma come struttura compensatoria di un difetto del Sé. Segue l'analisi di altre forme di perversione, con gli affetti che le accompagnano e contraddistinguono (rabbia, ecc.). Ricco di esempi clinici, minuziosamente discussi, il libro (non esente da ripetizioni e ridondanze) si chiude con due capitoli che mirano a mostrare la suscettibilità o meno del trattamento e le caratteristiche da non perdere di vista per modificare e ricostruire il Sé scarsamente sviluppato o danneggiato dei perversi. [AM.]

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.