Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can access over 100 digitized books…

PEP-Web Tip of the Day

Did you know that currently we have more than 100 digitized books available for you to read? You can find them in the Books Section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(2000). Lorna Smith Benjamin. Diagnosi interpersonale e trattamento dei disturbi di personalitĂ  (ed. orig., Interpersonal Diagnosis and Treatment of Personality Disorders, The Guilford Press, New York, 1996). Traduzione di Micaela Crisma. Roma, LAS - Libreria Ateneo Salesiano, 1999, pp. 496, Lit. 50.000.. Psicoter. Sci. Um., 34(2):146.

(2000). Psicoterapia e Scienze Umane, 34(2):146

Lorna Smith Benjamin. Diagnosi interpersonale e trattamento dei disturbi di personalità (ed. orig., Interpersonal Diagnosis and Treatment of Personality Disorders, The Guilford Press, New York, 1996). Traduzione di Micaela Crisma. Roma, LAS - Libreria Ateneo Salesiano, 1999, pp. 496, Lit. 50.000.

La Benjamin illustra in questo libro le possibilità offerte dal modello di analisi strutturale del comportamento sociale (SASB) da lei elaborato. Si tratta di una descrizione operativa dei modelli di interazione sociale e della loro influenza sul concetto di sé, sulla cui base vengono discussi e tradotti in termini interpersonali i raggruppamenti diagnostici dei disturbi di personalità, così come sono attualmente definiti nelle ultime edizioni del DSM. L'uso del SASB consente, riconosciuto il senso e il valore adattativo dei sintomi, di delineare un metodo per condurre l'intervista e impostare il trattamento. Per ogni disturbo di personalità sono discussi i criteri diagnostici, le ipotesi patogene, le reazioni transferali attese e vengono indicate le categorie di risposte terapeutiche corrette, miranti a promuovere la collaborazione, il riconoscimento degli stili di comportamento, l'interruzione delle modalità disadattative, il rafforzamento della volontà di rinunciarvi e l'apprendimento di nuovi stili. La Benjamin riesce bene nell'intento di tradurre ogni singolo indicatore dei criteri diagnostici del DSM in un linguaggio interpersonale, anche ricorrendo agli item di autovalutazione del Wisconsin Personality Inventory, e delinea in modo assai convincente le implicazioni per il trattamento. Il taglio molto tecnico del discorso e il continuo ricorso a sigle, abbreviazioni ed espedienti grafici (maiuscolo, grassetto, corsivo, sottolineatura) rendono la lettura piuttosto laboriosa. La traduzione ricalca troppo la lingua inglese nel disegno della frase e anche nei singoli termini (ad esempio sessione, decompensazione in luogo di seduta, scompenso…). (P.G.B.)

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.