Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To find an Author in a Video…

PEP-Web Tip of the Day

To find an Author in a Video, go to the Search Section found on the top left side of the homepage. Then, select “All Video Streams” in the Source menu. Finally, write the name of the Author in the “Search for Words or Phrases in Context” area and click the Search button.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(2000). Marco Conci, Sergio Dazzi, Maria Luisa Mantovani (a cura di), La tradizione interpersonale, Roma: Erre emme edizioni, 1997, pp. 464, Lit. 28.000.. Psicoter. Sci. Um., 34(2):147-148.

(2000). Psicoterapia e Scienze Umane, 34(2):147-148

Marco Conci, Sergio Dazzi, Maria Luisa Mantovani (a cura di), La tradizione interpersonale, Roma: Erre emme edizioni, 1997, pp. 464, Lit. 28.000.

Marco Conci, Sergio Dazzi e Maria Luisa Mantovani sono i curatori e i traduttori di questo libro che raccoglie numerosi articoli, alcuni dei quali non altrimenti disponibili in italiano. Il titolo dato al volume mette in evidenza il filo conduttore che percorre l'intera raccolta e che lega gli articoli proposti, pur nelle differenti prospettive che essi offrono. L'interdisciplinarietà viene considerata elemento centrale della tradizione interpersonale; tale elemento, istituendo un rapporto di scambio tra la psicoanalisi e le discipline affini, impedisce alla psicoanalisi di trasformarsi in una monocultura, mentre la costringe a considerare l'uomo nella sua totalità, ivi compreso il complicato tessuto delle relazioni psicosociali. Il volume è diviso in tre parti. La prima parte si occupa delle origini e degli sviluppi della tradizione interpersonale. Vengono proposti due articoli di E. Fromm (Il condizionamento sociale della terapia psicoanalitica, 1935) ed H. Sullivan (La teoria dell'angoscia e la natura della psicoterapia, 1949), considerati i padri della tradizione interpersonale, con l'intento sia di recuperare la loro identità come psicoanalisti, sia di mostrare quanto la loro opera vada in realtà al di là della psicoanalisi. Il successivo articolo di S. Mitchell (L'intrapsichico e l'interpersonale: differenti teorie, ambiti diversi o artefatti storici?, 1988) mette in evidenza il ruolo fondamentale svolto da Sullivan nell'orientamento relazionale sviluppato in seguito da Mitchell. La seconda parte si occupa della relazione tra paziente e terapeuta, concentrandosi sui fenomeni speculari di transfert e controtransfert.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.