Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To save articles in ePub format for your eBook reader…

PEP-Web Tip of the Day

To save an article in ePub format, look for the ePub reader icon above all articles for logged in users, and click it to quickly save the article, which is automatically downloaded to your computer or device. (There may be times when due to font sizes and other original formatting, the page may overflow onto a second page.).

You can also easily save to PDF format, a journal like printed format.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Pacifico, R. (2000). BION: I MITI COME MODELLI DELL'ESPERIENZA ANALITICA. Psicoter. Sci. Um., 34(4):103-119.

(2000). Psicoterapia e Scienze Umane, 34(4):103-119

BION: I MITI COME MODELLI DELL'ESPERIENZA ANALITICA

Riccardo Pacifico

Le categorie del mito, del mitico e del mitologico incrociano ripetutamente, e in modo significativo, il pensiero teorico e clinico di Bion. L'articolo, oltre ad evidenziare gli elementi di originalità contenuti in tali rapporti (la distinzione tra mito privato e mito collettivo; il mito come «congiunzione» narrativa costante, e dunque come algoritmo verbale; la scomposizione fattoriale delle trame mitologiche), tenta di analizzare il senso e il valore che essi assumono all'interno della psicoanalisi bioniana. Così, da una parte lungo l'asse verticale, strutturale della «griglia», i miti appartengono a uno stadio o dimensione primitivi dell'attività psichica, al lavoro della funzione alfa; essi sono, esattamente come i sogni, un genere di pensiero. Dall'altra, lungo l'asse orizzontale, funzionale dello schema, i materiali mitologici si trovano ad essere utilizzati, dentro e fuori dell'analisi per promuovere l'annotazione, l'esplorazione e l'indagine emozionale o cognitiva. I miti rappresentano insomma, tanto per l'analista che per il paziente, patterns, modelli narrativi utili a riflettere e sintetizzare le esperienze sollecitate dal contesto analitico; in particolare quelle relative al tema della «curiosità», e alla rischiosa impresa della conoscenza.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.