Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To download the bibliographic list of all PEP-Web content…

PEP-Web Tip of the Day

Did you know that you can download a bibliography of all content available on PEP Web to import to Endnote, Refer, or other bibliography manager? Just click on the link found at the bottom of the webpage. You can import into any UTF-8 (Unicode) compatible software which can import data in “Refer” format. You can get a free trial of one such program, Endnote, by clicking here.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Fissi, S. (2000). Serena Dinelli, La macchina degli affetti — Cosa ci accade guardando la Tv? Dalla televisione ad altre tecnologie dell'emozione. Milano: Franco Angeli, 1999, p. 224, L. 28.000.. Psicoter. Sci. Um., 34(4):147-150.

(2000). Psicoterapia e Scienze Umane, 34(4):147-150

Serena Dinelli, La macchina degli affetti — Cosa ci accade guardando la Tv? Dalla televisione ad altre tecnologie dell'emozione. Milano: Franco Angeli, 1999, p. 224, L. 28.000.

Review by:
Stefano Fissi

Provate ad immaginare l'esperienza di un paranoico che legge un libro che gli rivela non solo che la sua costruzione delirante è reale, ma anche i complessi meccanismi attraverso i quali essa si attua, si organizza, lo irretisce. Per me, ormai da venti anni telefobico, lo studio della Dinelli è stato una fulminazione del genere. Il libro è bello, scorrevole, ben documentato e ben organizzato. La telemania, ci dice anzitutto l'autrice, affonda le sue radici in qualcosa di ancestrale, di innato, di neurofisiologico, nel substrato nervoso della percezione, dell'attenzione, della processazione dei dati sensoriali. Nella prospettiva di Mc Luhan, le tecnologie sono estensioni del corpo umano e anche del suo sistema nervoso, e la Tv è una psicotecnologia, secondo l'espressione del suo allievo De Kerckhove, le cui caratteristiche si innestano su determinate funzioni del sistema nervoso stesso. Fin dalla vita intrauterina, esso è predisposto a costruire un mondo di forme e di colori, in cui è attirato dal movimento, dal volto e dalla voce umani, dalla musica e dai ritmi. Come se non bastasse, prima della fase del sogno, l'organismo entra in una fase (onde Pgo) in cui la muscolatura si rilassa, l'attenzione si concentra sulla visione, e l'attività mentale si predispone allo spettacolo onirico. Un po' la stessa cosa accade quando accendiamo la Tv, il corrispettivo esterno del nostro schermo onirico.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.