Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: Books are sorted alphabetically…

PEP-Web Tip of the Day

The list of books available on PEP Web is sorted alphabetically, with the exception of Freud’s Collected Works, Glossaries, and Dictionaries. You can find this list in the Books Section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Tristano, S. (2001). Luciano Mecacci, Il caso Marilyn M. e altri disastri della psicoanalisi. Bari: Laterza, 2000, pp. 208, Lit. 24.000.. Psicoter. Sci. Um., 35(2):130-132.

(2001). Psicoterapia e Scienze Umane, 35(2):130-132

Luciano Mecacci, Il caso Marilyn M. e altri disastri della psicoanalisi. Bari: Laterza, 2000, pp. 208, Lit. 24.000.

Review by:
Sergio Tristano

Questo pamphlet di Mecacci ricorda i discorsi di certe ragazze dopo che si sono lasciate col loro ragazzo: lo accusano di essere egoista e di portare scarpe rosse, di avere un fratello idiota e di mangiare troppi gelati… Qualsiasi cosa che non garba va bene per diffamarlo. Analogamente, il criterio usato da Mecacci per questo libro è di buttarci dentro tutto ciò che, in un modo o nell'altro, possa gettare sospetto o ridicolo su psicoanalisti più o meno famosi. Tutto fa brodo. Gli analisti che hanno sedotto una loro paziente sono messi accanto a quelli che si sono suicidati, gli analisti (come lo stesso Freud) che hanno psicoanalizzato i loro figli accanto agli analisti che hanno sbagliato una diagnosi, l'amicizia con politici chiacchierati accanto allo stile troppo gelido di un analista quando scrive di un paziente. L'autore qui mette assieme una serie di fatti che i tanti storiografi della psicoanalisi hanno raccolto in questi ultimi decenni, ma lui personalmente - autore della Storia della psicologia del Novecento -non porta alcun elemento nuovo. Semplicemente combina, «divulga», quello che altri hanno scritto e scoperto. Ne risulta un pot-pourri di figuracce fatte dagli analisti nel corso dell'ultimo secolo. Non credo che questa accozzaglia di aneddoti equivalga ad una resa dei conti per un passato amore - come nel caso della fidanzata delusa - per la psicoanalisi, comunque sia documenta una visceralità poco storiografica.

Si prenda il capitolo dedicato ai suicidi degli analisti. Qui egli esibisce una lista di 18 suicidi di analisti più o meno celebri - tra cui Tausk, Stekel, Federn, Bettelheim - compiuti nel corso di un secolo. Ma da uno studioso dei potenziali evocati uno si aspetterebbe qualche dato per verificare se il tasso dei suicidi tra gli analisti sia superiore, eguale o inferiore a quello della popolazione occidentale in generale.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.