Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To sort articles by Rankā€¦

PEP-Web Tip of the Day

You can specify Rank as the sort order when searching (it’s the default) which will put the articles which best matched your search on the top, and the complete results in descending relevance to your search. This feature is useful for finding the most important articles on a specific topic.

You can also change the sort order of results by selecting rank at the top of the search results pane after you perform a search. Note that rank order after a search only ranks up to 1000 maximum results that were returned; specifying rank in the search dialog ranks all possibilities before choosing the final 1000 (or less) to return.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Foresti, G. Monti, M.R. (2002). LA DIAGNOSI E IL PROGETTO. VISIONING CLINICO E ORGANIZZATORI PSICOPATOLOGICI. Psicoter. Sci. Um., 36(3):65-81.

(2002). Psicoterapia e Scienze Umane, 36(3):65-81

LA DIAGNOSI E IL PROGETTO. VISIONING CLINICO E ORGANIZZATORI PSICOPATOLOGICI

Giovanni Foresti e Mario Rossi Monti

A partire da una critica della impostazione operazionalizzata del DSM-IV gli Autori si soffermano sul rapporto esistente tra diagnosi e progetto terapeutico. A questo livello si pone il dilemma sintomo-vissuto: non è infatti sufficiente individuare sintomi “oggettivati”; il rilievo del sintomo deve essere recuperato nella relazione con il paziente. Cogliere il punto cruciale di transito tra sintomo oggettivo/osservabile e vissuto soggettivo costituisce il presupposto di ogni operazione terapeutica. Tra diagnosi e progetto terapeutico si pone l'esigenza di una sintesi clinica che non è semplicemente una diagnosi criteriologica. Riprendendo un termine che appartiene al vocabolario della psicologia delle organizzazioni, gli Autori propongono l'idea di un visioning clinico, basato su una analisi psicopatologica che approfondisca e completi la diagnosi criteriologica, che permetta di accedere ad una rappresentazione della condizione del paziente e del suo mondo interno. Il compito di istituire il visioning clinico grava su chi ha la responsabilità della conduzione del gruppo terapeutico al fine di mantenere viva nella mente e nelle azioni di ciascuno dei componenti del gruppo una rappresentazione complessa del paziente, sottoposta a continua verifica e ri-orientata sulla base dei risultati dell'intervento.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.