Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To open articles without exiting the current webpage…

PEP-Web Tip of the Day

To open articles without exiting your current search or webpage, press Ctrl + Left Mouse Button while hovering over the desired link. It will open in a new Tab in your internet browser.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Pacifico, R. (2003). PER UN'ARCHEOLOGIA DELLA PRATICA ANALITICA. Psicoter. Sci. Um., 37(2):91-106.

(2003). Psicoterapia e Scienze Umane, 37(2):91-106

PER UN'ARCHEOLOGIA DELLA PRATICA ANALITICA

Riccardo Pacifico

Richiamandosi alle indagini e al metodo “archeologici” di Foucault, il testo cerca di mettere a fuoco il rapporto tra “nascita” della pratica analitica e tradizione clinica medico-psichiatrica, leggendovi il venire a confronto di due sistemi semiotici, due “regimi di visibilità e dicibilità”, e dunque due “saperi” confinanti ma discontinui, la cui demarcazione chiede peraltro di essere continuamente riverificata. In questa prospettiva, l'articolo, ben lontano dall'esaurire il suo argomento, e gli interrogativi da esso implicati (si può parlare, a rigore di termini, di una “clinica” psicoanalitica? Perché Freud smette ad un tratto, e così presto, di scrivere resoconti analitici?), ne ricava e prospetta un'ulteriore linea di ricerca. Quella cioè di un ripensamento “archeologico” interno alla storia della pratica analitica, capace di distinguere, tra le trasformazioni che non hanno smesso di movimentarla, le revisioni che restano inscritte nel suo “campo” istitutivo da quelle che, rispetto all'operazione freudiana, rappresentano mutazioni o sconfinamenti ad essa inconciliabili.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.