Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To open articles without exiting the current webpage…

PEP-Web Tip of the Day

To open articles without exiting your current search or webpage, press Ctrl + Left Mouse Button while hovering over the desired link. It will open in a new Tab in your internet browser.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Stoccoro, G. (2005). I GRUPPI BALINT: STORIA E ATTUALITÀ. Psicoter. Sci. Um., 39(3):371-388.

(2005). Psicoterapia e Scienze Umane, 39(3):371-388

I GRUPPI BALINT: STORIA E ATTUALITÀ

Giancarlo Stoccoro

In tempi di Evidence Based Medicine, la medicina è sempre più caratterizzata da una forte identità tecnica, dove prevalgono l'obiettività e l'oggettivazione e la formazione mira a un aggiornamento costante dei protocolli e delle procedure. Può apparire, a prima vista, del tutto inattuale richiamare l'attenzione su una metodica di lavoro che nelle sue linee generali risale a oltre 50 anni fa e che si occupa degli aspetti intersoggettivi della relazione di cura. Eppure i Gruppi Balint, rivolti non più solo ai medici ma anche a figure diverse per ruolo e formazione, rappresentano forse a tutt'oggi lo strumento più efficace nella prevenzione del burn-out. Essi, infatti, attraverso il lavoro in piccolo gruppo, sotto la conduzione di uno o due conduttori esperti, “aiutano ad aiutare” migliorando le capacità relazionali, sviluppando una “personalità terapeutica” e, nel contempo, consentendo di proteggersi meglio senza compromettere il proprio lavoro.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.