Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To report problems to PEP-Web…

PEP-Web Tip of the Day

Help us improve PEP Web. If you find any problem, click the Report a Problem link located at the bottom right corner of the website.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Fornaro, M. (2005). Osmano Oasi & Davide Cavagna (a cura di), Percorsi di psicologia dinamica. Milano: Franco Angeli, 2004, pp. 218, € 18,50. Psicoter. Sci. Um., 39(4):558-560.

(2005). Psicoterapia e Scienze Umane, 39(4):558-560

Osmano Oasi & Davide Cavagna (a cura di), Percorsi di psicologia dinamica. Milano: Franco Angeli, 2004, pp. 218, € 18,50

Review by:
Mauro Fornaro

Il volume collettaneo si segnala come testimonianza degli interessi e degli orientamenti di un gruppo di giovani ricercatori; rappresenta pertanto un'occasione per sondare “dove sta andando” la psicologia dinamica. Felice appare il titolo: in un panorama celato dalla nebbia, che cosa offre lo “stato dell'arte” della psicologia dinamica in Italia, se non appunto qualche “percorso”? Gli autori sono accomunati dall'esperienza di collaborazione con il compianto professor Silvio Stella, docente di psicologia dinamica all'Università Cattolica di Milano, alla cui memoria peraltro il volume è dedicato.

Una prima parte raccoglie contributi dedicati alle tappe evolutive. Inizia perciò con “Lo sviluppo affettivo del bambino: tra psicoanalisi e neuroscienze” di Silvia Bolis e Anna Bulgheroni, che ripercorre in chiara sintesi la fortunata pista dell'infant research, plaudendo al modello “socio-affettivo”, entro cui viene letta la nascita psicologica di ciascuno. E certo questo modello ha trovato sponda nei recenti risultati delle scienze cognitive (oltre che delle neuroscienze, cui si limitano le autrici) a opera di Schore, Bucci, Siegel, tra i tanti menzionabili. Luisa Roncari affronta quindi il delicato tema della “Costruzione dell'identità in adolescenza”, partendo dalla necessità di elaborare il lutto derivante dalla perdita della condizione infantile. Vengono focalizzati, giustamente, i mutamenti corporei e la conseguente necessità della loro mentalizzazione; allo stesso tempo un accento particolare è portato alle “condotte di dipendenza” in età adolescenziale, interpretate come cattiva soluzione della problematica relazionale propria del giovane.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.