Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To quickly return to the issue’s Table of Contents from an article…

PEP-Web Tip of the Day

You can go back to to the issue’s Table of Contents in one click by clicking on the article title in the article view. What’s more, it will take you to the specific place in the TOC where the article appears.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(2005). Ronald Britton, Sesso, morte e Super-Io. Esperienze in psicoanalisi. Traduzione di Gianni Baldacchini. Roma: Astrolabio, 2004, pp. 178, € 15,00 (ediz. orig.: Sex, Death and Superego. Experiences in Psychoanalysis. London, Karnac Books, 2003). Psicoter. Sci. Um., 39(4):570.

(2005). Psicoterapia e Scienze Umane, 39(4):570

Ronald Britton, Sesso, morte e Super-Io. Esperienze in psicoanalisi. Traduzione di Gianni Baldacchini. Roma: Astrolabio, 2004, pp. 178, € 15,00 (ediz. orig.: Sex, Death and Superego. Experiences in Psychoanalysis. London, Karnac Books, 2003)

Questo recente scritto di Britton - già presidente della British Psycho-Analytical Society e vicepresidente dell'International Psychoanalytic Association (IPA), e autore di un testo molto noto, pubblicato nel 1998, Belief and Imagination (London & New York: Routledge) - raccoglie le sue riflessioni su tre grandi temi: il sesso e la morte, l'Io ed il Super-Io, ed il narcisismo. Terreno comune è la sua esperienza clinica, un'esperienza molto vasta e diversificata nei ruoli di analista, didatta e supervisore, riproposta con l'esemplificazione di numerose sessioni terapeutiche. Ciò che è basato sull'esperienza viene polemicamente (e ironicamente) contrapposto a ciò che è sotteso nell'espressione oggi in auge basato sull'evidenza, che all'autore evoca non tanto uno studio analitico quanto un'aula di tribunale. Di grande interesse risulta il confronto proposto tra la conduzione e le vicissitudini del caso di Bertha Pappenheim da parte di Breuer e quello di Sabina Spielrein da parte di Jung: «Questa vicenda sembra contenere qualcosa di talmente fondamentale da continuare ad affascinare generazioni successive di analisti» (p. 15). In tale contesto è pure sottolineata la differenza tra le “soluzioni” isterica, schizoide e borderline, un tema ripreso ed ampliato nella sezione riservata al narcisismo. Britton dedica un capitolo alla presentazione delle sue opinioni in merito al complesso di castrazione femminile, sostenendo la tesi che esso non rientri nello sviluppo psicosessuale normale della donna, e che Freud sia stato indotto a ritenerlo un fenomeno generale sulla base delle due analisi condotte con la figlia Anna, nel 1918 e nel 1924.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.