Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To search only within a publication time period…

PEP-Web Tip of the Day

Looking for articles in a specific time period? You can refine your search by using the Year feature in the Search Section. This tool could be useful for studying the impact of historical events on psychoanalytic theories.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

(2005). Antonino Ferro, Roberto Basile, Stefano Bolognini, Vincenzo Bonaminio, Anna Ferruta & Diana Norsa (a cura), Psicoanalisi e pluralismo delle lingue. Torino: Bollati Boringhieri, 2004, pp. 248, € 36,00. Psicoter. Sci. Um., 39(4):571.

(2005). Psicoterapia e Scienze Umane, 39(4):571

Antonino Ferro, Roberto Basile, Stefano Bolognini, Vincenzo Bonaminio, Anna Ferruta & Diana Norsa (a cura), Psicoanalisi e pluralismo delle lingue. Torino: Bollati Boringhieri, 2004, pp. 248, € 36,00

E' questo il primo volume di una nuova serie editoriale che ha lo scopo di presentare al pubblico italiano, anno dopo anno, i lavori più significativi e rappresentativi che compaiono sull'International Journal of Psychoanalysis. Come ricorda Quinodoz nella sua breve presentazione, l'iniziativa italiana si inserisce nel contesto di analoghe iniziative già attuate in altre parti del mondo, per mezzo di volumi che hanno presentato delle selezioni di articoli della rivista internazionale tradotti in lingua spagnola, portoghese e francese. Il comitato di redazione italiano ha effettuato la sua scelta in maniera autonoma, così come hanno fatto gli altri comitati editoriali, per cui ogni volume offre «scelte di articoli ognuna diversa dall'altra, sia pure con alcune interessanti sovrapposizioni» (p. 17). Il volume si apre con “Un caso di fine analisi”, di Cecilio Paniagua, che ha la particolarità di essere arricchito da due interessanti commenti, di Britton e di Michels, i quali discutono criticamente gli interventi dell'analista nei confronti di un paziente che, con Rosenfeld, potrebbe essere definito un narcisista ipersensibile. Judy L. Kantrowiz, nel suo “L'osservatore esterno e l'interazione dinamica tra paziente e analista”, sostiene con argomentazioni molto convincenti l'importanza di poter discutere e confrontare le esperienze cliniche con i colleghi attraverso gruppi di supervisione tra pari, supervisioni reciproche con un collega (definite anche analisi reciproche), o formali consultazioni con un analista esperto.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.