Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see translations of Freud SE or GW…

PEP-Web Tip of the Day

When you hover your mouse over a paragraph of the Standard Edition (SE) long enough, the corresponding text from Gesammelte Werke slides from the bottom of the PEP-Web window, and vice versa.

If the slide up window bothers you, you can turn it off by checking the box “Turn off Translations” in the slide-up. But if you’ve turned it off, how do you turn it back on? The option to turn off the translations only is effective for the current session (it uses a stored cookie in your browser). So the easiest way to turn it back on again is to close your browser (all open windows), and reopen it.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Galli, P.F. (2006). EDITORIALE. Psicoter. Sci. Um., 40(2):151-152.
    

(2006). Psicoterapia e Scienze Umane, 40(2):151-152

EDITORIALE

Pier Francesco Galli

Occupo questo numero con molti miei “pezzi”, sia nell'articolo di testa che nella rubrica “Tracce”. L'articolo ha un taglio certamente, e volutamente, provocatorio, nel quadro del dibattito attuale sulla e nella psicoanalisi. Prima però di entrare nel merito di questo editoriale, voglio chiarire che ho il massimo rispetto per le linee di pensiero di chi dedica alla ricerca e alla elaborazione teorica i propri sforzi: il mio attacco è sempre all'effetto alone, alla dilatazione di mode e parole d'ordine che fanno balzare sullo scenario scientifico-culturale nuove icone, col loro codazzo di seguaci. Avendo osservato, nel corso del tempo, le principali obiezioni al discorso psicoanalitico freudiano e tenendo conto, col dovuto distacco storico e scientifico, delle diverse ipotesi che si sviluppavano nel campo, è mia opinione che attualmente si peschi nel settore, spesso senza citare le ascendenze, al punto che la somma delle antiche contrapposizioni sta diventando il costrutto stesso di quello che viene ancora presentato come psicoanalisi. A titolo di esempio, si può osservare il recupero del filone fenomenico-esistenziale tramite autori anglosassoni, in particolare statunitensi, che mi trova certo poco disponibile di fronte a queste nuove ontologie. E ritengo che affidare la sopravvivenza della psicoanalisi a certe modellistiche del comportamento umano sia una operazione molto riduttiva. Questa tesi era già presente in un vecchio testo che avevo scritto nel 1970 come prefazione al libro di Wolfgang Loch Premesse e meccanismi del processo psicoanalitico, edito da Boringhieri nella collana da me diretta. Segnalavo come certi linguaggi sentimental-descrittivi si differenziavano «dalla psicoanalisi da rotocalco solo per il linguaggio sofisticato» (p. 3). È un testo che più avanti ripubblicherò nella rubrica “Tracce” e che appartiene a una linea di coerenza che ancora mi è congeniale.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2020, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.