Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To copy parts of an article…

PEP-Web Tip of the Day

To copy a phrase, paragraph, or large section of an article, highlight the text with the mouse and press Ctrl + C. Then to paste it, go to your text editor and press Ctrl + V.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Mancini, A. (2006). Sigmund Freud, Testi e contesti. Volume 3: Scritti di metapsicologia (1915-1917). A cura di Michele Ranchetti. Traduzioni di Alessandro Cecchi, Stefano Franchini, Roberto Righi e Vivetta Vivarelli (Opera in 10 volumi a cura di Michele Ranchetti). Torino: Bollati Boringhieri, 2005, pp. XXIV+534, € 30,00Sigmund Freud, Testi e contesti. Volume 5: Sulla storia della psicoanalisi (Per la storia del movimento psicoanalitico. La questione dell'analisi laica). A cura di Martin Dehli. Traduzioni di Stefano Franchini e Vivetta Vivarelli (Opera in 10 volumi a cura di Michele Ranchetti). Torino: Bollati Boringhieri, 2005, pp. XX+324, € 22,00. Psicoter. Sci. Um., 40(2):233-237.

(2006). Psicoterapia e Scienze Umane, 40(2):233-237

RECENSIONI

Sigmund Freud, Testi e contesti. Volume 3: Scritti di metapsicologia (1915-1917). A cura di Michele Ranchetti. Traduzioni di Alessandro Cecchi, Stefano Franchini, Roberto Righi e Vivetta Vivarelli (Opera in 10 volumi a cura di Michele Ranchetti). Torino: Bollati Boringhieri, 2005, pp. XXIV+534, € 30,00Sigmund Freud, Testi e contesti. Volume 5: Sulla storia della psicoanalisi (Per la storia del movimento psicoanalitico. La questione dell'analisi laica). A cura di Martin Dehli. Traduzioni di Stefano Franchini e Vivetta Vivarelli (Opera in 10 volumi a cura di Michele Ranchetti). Torino: Bollati Boringhieri, 2005, pp. XX+324, € 22,00

Review by:
Antonella Mancini

In Collaboration with:
Andrea Angelozzi e Mauro Fornaro

Ci si può domandare che senso abbia riproporre oggi la pubblicazione di alcuni testi di Freud dopo la monumentale operazione editoriale che vide l'uscita dell'Opera Omnia tra il 1967 e il 1980, per i tipi della Boringhieri. Col dodicesimo ed ultimo volume (cui nel 1993 farà da seguito ideale Complementi 1885-1938, con prefazione di Michele Ranchetti) sembrava infatti che si fosse messo un suggello (e un sigillo) al lavoro del Maestro e che anche qui in Italia si potesse finalmente stare in pace e sentirsi con la coscienza a posto: l'impresa, supervisionata da Cesare Musatti - allora decano e vestale della psicoanalisi italiana - aveva tutti (o quasi) i crismi di garanzia desiderabili. Rispetto alle due edizioni tedesche includeva un maggior numero di scritti e rispetto a quella inglese curata da Strachey, la Standard Edition (1953-1966), era più precisa nelle datazioni e meno sbrigativa nella traduzione (vedi le critiche a quest'ultima, tanto feroci quanto tardive, mosse da Bettelheim nel 1982). In comune con esse aveva la finalità: riunire tutti gli scritti di Freud già pubblicati o postumi di “interesse psicologico”, secondo un'ideale linea di continuità con gli sviluppi della psicoanalisi. In sostanza queste iniziative editoriali ottemperavano al programma voluto dallo stesso Freud, il quale aveva per tempo messo in moto un meccanismo di auto-depurazione, espungendo, rigettando, distruggendo, omettendo una quantità di materiali scomodi, sia scientifici sia documentali (lettere, resoconti, verbali, ecc.) che avrebbero potuto in qualche modo compromettere l'idea di se stesso e della psicoanalisi da tramandare alla posterità.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.