Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To convert articles to PDF…

PEP-Web Tip of the Day

At the top right corner of every PEP Web article, there is a button to convert it to PDF. Just click this button and downloading will begin automatically.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Trasforini, M.A. (2006). LE INSEGNE DEL SÉ. GENERE, NARRAZIONI E COSTRUZIONI DELL'AUTORITRATTO. Psicoter. Sci. Um., 40(3):649-664.

(2006). Psicoterapia e Scienze Umane, 40(3):649-664

LE INSEGNE DEL SÉ. GENERE, NARRAZIONI E COSTRUZIONI DELL'AUTORITRATTO

Maria Antonietta Trasforini

L'articolo analizza gli autoritratti delle artiste come forme di narrazione culturale. Mentre dal Seicento a fine Ottocento documentano un'identità professionale spesso misconosciuta, nel corso del Novecento essi raccontano identità in cambiamento, storie individuali e trasformazioni sociali (Frida Kalho, Jo Spence), e costruiscono genealogie collettive (Rose Garrard, Judy Chicago); vanno dalle performance decostruttive delle identità di genere (Claude Cahun, Cindy Sherman), agli acting-out della Body Art (Gina Pane, Orlan), agli acting-in dell'arte attuale, segnata da una forte dematerializzazione. In chiusura si propone una breve riflessione sull'esperimento di creatività-creazione di Carla Lonzi negli anni 1960, Autoritratto, libro costruito su interviste ad alcuni artisti italiani, al termine del quale Carla Lonzi abbandonò la critica d'arte per diventare una delle fondatrici del movimento femminista in Italia.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.