Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see papers related to the one you are viewing…

PEP-Web Tip of the Day

When there are articles or videos related to the one you are viewing, you will see a related papers icon next to the title, like this: RelatedPapers32Final3For example:

2015-11-06_09h28_31

Click on it and you will see a bibliographic list of papers that are related (including the current one). Related papers may be papers which are commentaries, responses to commentaries, erratum, and videos discussing the paper. Since they are not part of the original source material, they are added by PEP editorial staff, and may not be marked as such in every possible case.

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Migone, P. (2007). EDITORIALE. Psicoter. Sci. Um., 41(2):151-152.

(2007). Psicoterapia e Scienze Umane, 41(2):151-152

EDITORIALE

Paolo Migone

Come primo articolo di questo numero di Psicoterapia e Scienze Umane pubblichiamo un saggio di Howard Shevrin che esamina alcuni aspetti caratterizzanti della teoria freudiana delle pulsioni. Come è noto, la teoria delle pulsioni è oggi criticata in modo pressoché unanime, mentre vengono preferite teorie della motivazione concepita in termini relazionali, in cui l'oggetto mantiene una sua specificità e non serve solo a permettere la gratificazione tramite una scarica indifferenziata di “energia”. Shevrin invece dimostra che alcuni aspetti della teoria freudiana delle pulsioni possono avere una loro validità e, in modo sorprendente, proprio a partire da recenti scoperte delle neuroscienze. Abbiamo pensato quindi che questo contributo potesse essere di interesse per i lettori, poiché mostra la complessità di una problematica che alcuni approcci relazionali a volte affrontano in modo troppo lineare e acritico.

Howard Shevrin, professore emerito della University of Michigan e membro della redazione di Psicoterapia e Scienze Umane, ha dedicato gran parte della sua carriera di ricercatore a esplorare i confini tra la psicoanalisi e le neuroscienze, in particolar modo studiando a livello sperimentale i processi inconsci. Come ha scritto anche nel suo articolo - che abbiamo pubblicato nel n. 3/2006 - dedicato alla rivisitazione del classico di David Rapaport del 1959 Struttura della teoria psicoanalitica.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.