Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: You can access over 100 digitized books…

PEP-Web Tip of the Day

Did you know that currently we have more than 100 digitized books available for you to read? You can find them in the Books Section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Meehl, P.E. (2007). PERCHÉ NON PARTECIPO AI SEMINARI CLINICI. Psicoter. Sci. Um., 41(3):295-314.

(2007). Psicoterapia e Scienze Umane, 41(3):295-314

PERCHÉ NON PARTECIPO AI SEMINARI CLINICI

Paul E. Meehl

L'autore spiega i motivi per cui non partecipa più ai seminari di discussione di casi clinici, allo scopo di migliorarne il funzionamento e la utilità. Nella prima parte descrive una dozzina di errori: la sindrome degli “amici per la pelle” (buddy-buddy syndrome); “tutte le prove sono ugualmente valide”; premiare ogni intervento, pregevole o insulso che sia; tollerare le prove deboli (ad esempio gli argomenti irrilevanti); non distinguere tra test di inclusione e test di esclusione; non distinguere tra la semplice congruenza di un segno e il suo peso differenziale; la corrida degli standard delle prove; ignoranza (o rimozione) della logica statistica; inappropriata specificazione del compito; fare domande inutili; ambiguità dei ruoli professionali; alcuni errori comuni (una decina di modalità, tra cui ad esempio l'effetto Barnum). Nella seconda parte, non distruttiva ma costruttiva, propone suggerimenti per migliorare i seminari clinici.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.