Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To find a specific quote…

PEP-Web Tip of the Day

Trying to find a specific quote? Go to the Search section, and write it using quotation marks in “Search for Words or Phrases in Context.”

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Porcelli, P. Todarello, O. (2008). REVIEW SUL RUOLO DELL'ALEXITHYMIA NELL'ESITO DEL TRATTAMENTO. Psicoter. Sci. Um., 42(2):179-198.

(2008). Psicoterapia e Scienze Umane, 42(2):179-198

REVIEW SUL RUOLO DELL'ALEXITHYMIA NELL'ESITO DEL TRATTAMENTO

Piero Porcelli e Orlando Todarello

Gli autori esaminano il ruolo dell'alexithymia nel trattamento di vari disturbi medici e psichiatrici e la modificazione post-trattamento del funzionamento alessitimico. La maggior parte dei lavori effettuati su lutto complicato, somatizzazioni gastrointestinali, depressione maggiore, abuso di sostanze e intervento chirurgico ha evidenziato che i pazienti con elevati livelli di alexithymia rispondono meno favorevolmente o più lentamente agli interventi psicoterapeutici, soprattutto agli approcci più centrati sull'introspezione e sull'insight. Un solo studio di terapia di gruppo in pazienti cardiaci ha evidenziato una stabile riduzione a due anni dei livelli di alexithymia. I clinici che intraprendono la psicoterapia del paziente alessitimico dovrebbero aspettarsi quindi scarsi e lenti progressi, e utilizzare sostanziali modifiche all'approccio terapeutico.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.