Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To save a shortcut to an article to your desktop…

PEP-Web Tip of the Day

The way you save a shortcut to an article on your desktop depends on what internet browser (and device) you are using.

  • Safari
  • Chrome
  • Internet Explorer
  • Opera

 

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Blandino, G. (2008). Simona R. Capolupo, La madre e la mamma. Dal mito al pensiero psicoanalitico. Presentazione di Eugenio Gaburri. Torino: Antigone, 2007, pp. 235, € 17,00. Psicoter. Sci. Um., 42(2):263.

(2008). Psicoterapia e Scienze Umane, 42(2):263

Simona R. Capolupo, La madre e la mamma. Dal mito al pensiero psicoanalitico. Presentazione di Eugenio Gaburri. Torino: Antigone, 2007, pp. 235, € 17,00

Review by:
Giorgio Blandino

Recenti e molteplici episodi di cronaca nera hanno portato in primo piano il ruolo dei rapporti tra genitori e figli e, in particolare, la relazione con la madre che in realtà mostra di essere ben più complessa di quanto comunemente si pensi, spesso caratterizzata da gravi conflitti o veri e propri drammi. Questo libro di Simona Capolupo, avvincente e leggibilissimo non solo dagli addetti ai lavori ma anche dal pubblico meno specialistico, analizza a fondo, in chiave psicoanalitica, la tematica del rapporto madre bambino e dà al lettore la sensazione di essere guidato attraverso un percorso scientificamente aggiornato, che invita a riflettere sulle parti oscure e problematiche della relazione primaria, considerata dalla parte della madre verso il figlio. Soprattutto si sofferma, ed è questa la tesi centrale del testo, sulla componente illusoria insita nella ricerca di una madre sempre “buona”, iperprotettiva, mettendo in luce come sentimenti apparentemente premurosi spesso nascondano sentimenti aggressivi o ostili e quindi, anziché favorire la crescita psichica e l'emancipazione emotiva del figlio, la frenano o la rallentano. Sono schemi relazionali che certamente derivano da problemi irrisolti della madre, ma ampiamente condivisi e promossi dall'ideologia corrente e dai media che propugnano un'idea falsa e dannosa della madre, come se dovesse essere una figura esclusivamente oblativa, sempre amorevole, presente e mai frustrante.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.