Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To find a specific quote…

PEP-Web Tip of the Day

Trying to find a specific quote? Go to the Search section, and write it using quotation marks in “Search for Words or Phrases in Context.”

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Stepansky, P.E. (2009). ASCESA E DECLINO DELL'EDITORIA PSICOANALITICA AMERICANA. Psicoter. Sci. Um., 43(1):9-46.

(2009). Psicoterapia e Scienze Umane, 43(1):9-46

ASCESA E DECLINO DELL'EDITORIA PSICOANALITICA AMERICANA

Paul E. Stepansky

L'ascesa e il declino dell'editoria psicoanalitica americana è un sintomo della graduale marginalizzazione della psicoanalisi nel sistema della salute mentale degli Stati Uniti. Viene descritta l'“era gloriosa” dell'editoria psicoanalitica, che durò circa 25 anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, in cui autori come Karl Menninger, Erich Fromm, Erik Erikson e Karen Horney pubblicavano libri di uno straordinario successo commerciale. Sono riportati in dettaglio i dati delle vendite dei più importanti libri di psicoanalisi pubblicati negli Stati Uniti negli ultimi 70 anni, che documentano il continuo declino delle vendite a partire dagli anni 1970. Nello spiegare questo declino, Stepansky sottolinea la frammentazione interna di una professione, che una volta era coesa, in mille scuole rivali con aspetti settari e letture autoreferenziali. Il punto di visuale dell'autore è quello di aver diretto la casa editrice The Analytic Press dal 1984 al 2006.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2019, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.