Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To turn on (or off) thumbnails in the list of videos….

PEP-Web Tip of the Day

To visualize a snapshot of a Video in PEP Web, simply turn on the Preview feature located above the results list of the Videos Section.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Marchesini, S. (2011). Gustavo Pietropolli Charmet, Sofia Bignamini & Davide Comazzi, Psicoterapia evolutiva dell'adolescente. Milano: FrancoAngeli, 2010, pp. 235, € 27,50. Psicoter. Sci. Um., 45(3):417-419.

(2011). Psicoterapia e Scienze Umane, 45(3):417-419

Gustavo Pietropolli Charmet, Sofia Bignamini & Davide Comazzi, Psicoterapia evolutiva dell'adolescente. Milano: FrancoAngeli, 2010, pp. 235, € 27,50

Review by:
Silvia Marchesini

Questo libro è il frutto di più di dieci anni di collaborazione tra Gustavo Pietropolli Charmet, Sofia Bignamini e Davide Comazzi, tutti legati all'Istituto di Analisi dei Codici Affettivi “Minotauro”, nato intorno agli anni 1980 da un'idea di Franco Fornari e realizzata successivamente da un gruppo di suoi allievi dell'Università Statale di Milano. L'intento è, restando all'interno del solco psicoanalitico, di ordinare con un lavoro «scientificamente onesto dati e linee di intervento relativi all'esperienza clinica maturata con gli adolescenti» (p. 9). Così scrive nell'Introduzione Charmet, Presidente dell'Istituto, precisando che spesso le descrizioni «possono apparire lontane dalla traccia che si segue abitualmente nella psicoterapia dell'adolescente in crisi» (p. 9).

Il libro è formato da otto capitoli. I primi sei e l'Introduzione sono scritti da Charmet e gli ultimi due rispettivamente da Bignamini e Comazzi. Il merito del gruppo è quello di impegnarsi da sempre in prima linea nel difficile compito della psicoterapia con l'adolescente e il preadolescente che tentano il suicidio, e di approfondire tematiche relative all'intervento sulla crisi, attribuendo grande importanza alla dimensione evolutiva entro la quale avviene il cambiamento. Un secondo aspetto positivo è quello di volere affrancare il ruolo dell'analista dal «modello standard» (p. 92) in cui viene confinato, «liquidando buona parte del mesto cerimoniale della reception psicoanalitica convenzionale» (p.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.