Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To search only within a publication time period…

PEP-Web Tip of the Day

Looking for articles in a specific time period? You can refine your search by using the Year feature in the Search Section. This tool could be useful for studying the impact of historical events on psychoanalytic theories.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Fava, G.A. (2012). Quale psichiatria? Commento sulla recensione-saggio di Marcia Angell. Psicoter. Sci. Um., 46(2):249-252.

(2012). Psicoterapia e Scienze Umane, 46(2):249-252

DIBATTITI

Quale psichiatria? Commento sulla recensione-saggio di Marcia Angell

Giovanni Andrea Fava

L'Autore commenta criticamente la recensione-saggio di Marcia Angeli, intitolata “L'epidemia di malattie mentali e le illusioni della psichiatria”, pubblicata in due parti il 23 giugno e 14 luglio 2011 sulla New York Review of Books e tradotta a pp. 263-282 di questo n. 2/2012 di Psicoterapia e Scienze Umane. Le critiche mosse da Marcia Angell trovano valide argomentazioni in una psichiatria che è stata pesantemente condizionata dalle industrie farmaceutiche. Ma ignorano il fatto che gran parte delle prescrizioni di psicofarmaci vengono effettuate da medici non psichiatri e che in psichiatria esistono una pratica clinica e una ricerca che sono libere da questi condizionamenti. È oggi possibile praticare una medicina psicologica in grado di incorporare sia l'approccio farmacologico che quello psicoterapeutico.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.