Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To review the bibliography…

PEP-Web Tip of the Day

It is always useful to review an article’s bibliography and references to get a deeper understanding of the psychoanalytic concepts and theoretical framework in it.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Marchi, A. (2012). Persone: da risorse a capitale: Alcune questioni aperte sul valore d'uso della teoria dell'Intellectual Capital. Psicoter. Sci. Um., 46(3):409-415.

(2012). Psicoterapia e Scienze Umane, 46(3):409-415

Persone: da risorse a capitale: Alcune questioni aperte sul valore d'uso della teoria dell'Intellectual Capital

Armando Marchi

«Everybody has a strategy, until he gets hit in the mouth» (Mike Tyson)

Da noi parenti poveri italiani accade spesso - alla faccia dell'“accesso” globalizzato - che i nuovi paradigmi manageriali arrivino con anni di ritardo. Sarà forse per questo che idee complesse, maturate nei decenni con consapevole riflessività, vengono scambiate per improvvisi ed epocali cambiamenti. E digerite quindi a fatica.

Data la pigrizia linguistica nazionale, finché non si traduce è azzardato parlare di un vero e diffuso interesse. La ricerca bibliografica dice che i primi segnali di attenzione in lingua italiana per la filosofia dell'Intellectual Capital datano a non più di dieci anni fa, con la traduzione di Thomas Stewart (1994, 1997). Sicché verrebbe da pensare che a queste riflessioni ci si arrivi a stagione di pensiero già matura, iniziata addirittura mezzo secolo fa con Peter Druker (1959) e poi Galbraith (1969).

Un percorso che banalizzando, e per restare in tema di organizzazione intesa come insieme di esseri umani e non come sistemi burocratici, va dal concetto di Personale (persona come costo, collegata al lavoro), attraverso quello di Risorsa Umana (persona collegata ai processi e alle procedure) all'innovazione del Capitale Umano (persona come competenza, collegata alla conoscenza e all'innovazione).

Questo percorso era scritto negli astri: dovuto al passaggio da un'economia del tangibile a una degli “intangibles”, id est: il valore competitivo e il futuro stanno nel potenziale di innovazione.

[This is a summary excerpt from the full text of the journal article. The full text of the document is available to journal subscribers on the publisher's website here.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.