Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To bookmark an article…

PEP-Web Tip of the Day

Want to save an article in your browser’s Bookmarks for quick access? Press Ctrl + D and a dialogue box will open asking how you want to save it.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Castiello d'Antonio, A. (2012). Schede: Trevor M. Dobbs, Faith, Theology and Psychoanalysis. The Life and Thoughts of Harry S. Guntrip. Cambridge: James Clarke & Co., 2009, pp. XI+189, £ 20.25. Psicoter. Sci. Um., 46(3):452-453.

(2012). Psicoterapia e Scienze Umane, 46(3):452-453

SCHEDE

Schede: Trevor M. Dobbs, Faith, Theology and Psychoanalysis. The Life and Thoughts of Harry S. Guntrip. Cambridge: James Clarke & Co., 2009, pp. XI+189, £ 20.25

Review by:
Andrea Castiello d'Antonio

Harry S. Guntrip (1901-1975), psicologo clinico e psicoterapeuta, docente presso il Dipartimento di psichiatria della Leeds University, in Inghilterra, e pastore metodista, è noto soprattutto per i suoi contributi sulla personalità schizoide e sulla teoria delle relazioni oggettuali; su di lui sono state scritte diverse biografie ma questo lavoro di Dobbs ha una sua specificità ponendosi come obiettivo l'approfondimento dell'orientamento teorico e clinico di Guntrip in connessione alla sua dimensione religiosa. In tale direzione, il biografo riprende e discute il contributo di Carlo Strenger “The classic and the romantic vision in psychoanalysis” (International Journal of Psychoanalysis, 1989, 70: 593-610) al fine di posizionare Guntrip nell'area “romantica” i cui capostipiti sono William Ronald Doods Fairbairn (1889-1964) e Donald Woods Winnicott (1896-1971) - che furono, non casualmente, i suoi due analisti.

L'approccio clinico di Guntrip può essere definito “umanistico” per l'importanza data alla considerazione del paziente come essere umano e alla sua opposizione verso qualunque atteggiamento tecnico distaccato e impersonale. Come sottolinea Dobbs, la principale opera di Guntrip, Teoria psicoanalitica della relazione d'oggetto, del 1968 (Milano: Etas Libri, 1975), va considerata nel solco della natura autobiografica dell'approccio teorico dell'autore - approccio ben illustrato in uno dei suoi testi tradotti in italiano: Struttura della personalità e interazione umana.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.