Customer Service | Help | FAQ | PEP-Easy | Report a Data Error | About
:
Login
Tip: To see who cited a particular article…

PEP-Web Tip of the Day

To see what papers cited a particular article, click on “[Who Cited This?] which can be found at the end of every article.

For the complete list of tips, see PEP-Web Tips on the PEP-Web support page.

Bocian, B. (2012). Margherita Spagnuolo Lobb, Il now-for-next in psicoterapia. La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna. Prefazione di Paolo Migone. Milano: FrancoAngeli, 2011, pp. 284, € 25,00. Psicoter. Sci. Um., 46(3):457-458.

(2012). Psicoterapia e Scienze Umane, 46(3):457-458

Margherita Spagnuolo Lobb, Il now-for-next in psicoterapia. La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna. Prefazione di Paolo Migone. Milano: FrancoAngeli, 2011, pp. 284, € 25,00

Review by:
Bernd Bocian

Margherita Spagnuolo Lobb, direttrice dell'Istituto di Gestalt HCC di Siracusa e didatta internazionale, non intende con questo libro rispondere all'interrogativo «che cosa è la psicoterapia della Gestalt» (p. 21), al quale ha esaurientemente risposto in un'altra sede, quanto piuttosto presentare il proprio modello di clinica gestaltica contemporanea dinanzi agli emergenti disagi della cosiddetta società post-moderna.

Come scrive Paolo Migone nella prefazione, il libro mostra molto bene quante e quali «siano ormai le aree di sovrapposizione tra diversi approcci» (p. 16), e mostra anche come «concetti centrali della psicoterapia della Gestalt abbiano anticipato sviluppi recenti della psicoterapia (…), ad esempio alcuni aspetti della psicoanalisi contemporanea» (p. 16). In tutto il libro è evidente come i principi non dicotomici, relazionali, estetici e processuali, come la prospettiva fenomenologica, che caratterizzano la teoria e clinica gestaltica, mostrano tratti di grande somiglianza con le posizioni rappresentate dalla psicoanalisi relazionale o da quella intersoggettiva.

Nei primi due capitoli l'Autrice riassume e riporta d'attualità le posizioni “avan-guardistiche” fondamentali dell'approccio gestaltico, la sua iniziale connotazione - già in atto fin dal 1950 - di revisione della psicoanalisi freudiana: il modello classico di un Sé visto come fenomeno di contatto, al confine tra l'organismo umano e il suo “campo”; il passaggio dal paradigma intrapsichico all'esperienza del “tra”, al «campo fenomenologico co-creato dalla presenza del paziente e del terapeuta» (p.

[This is a summary or excerpt from the full text of the book or article. The full text of the document is available to subscribers.]

Copyright © 2021, Psychoanalytic Electronic Publishing, ISSN 2472-6982 Customer Service | Help | FAQ | Download PEP Bibliography | Report a Data Error | About

WARNING! This text is printed for personal use. It is copyright to the journal in which it originally appeared. It is illegal to redistribute it in any form.